“Il treno dei bambini” – Viola Ardone

^

Categorie

^

Voto redazione

5 stelle

Data di pubblicazione

17 Set, 2020
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Il treno dei bambini” (Einaudi, Stile libero Big) è detto caso editoriale italiano alla Fiera di Francoforte del 2019 e pare sia in corso di traduzione in venticinque lingue. Scritto da Viola Ardone, docente di latino e italiano al liceo classe 1974, racconta in forma romanzata di un’iniziativa del Partito Comunista italiano del secondo dopoguerra. Moltissimi bambini del Sud furono accolti, anzi adottati, per un anno scolastico da famiglie benestanti del Nord.


Trama de Il treno dei bambini

il-treno-dei-bambini-copertinaIl libro inizia a Napoli nel 1946 e la vicenda viene proposta tramite gli occhi di Amerigo, un napoletano di sette anni. Un nome, un simbolo: viene mandato da mamma Antonietta nel nuovo mondo. A casa loro la fatica per la sopravvivenza è troppa e nell’“Alta Italia” c’è chi si è offerto di occuparsi delle nuove generazioni.

Amerigo viene messo così sul “treno dei bambini”, un treno carico di minorenni che vengono adottati temporaneamente. Lui capita a casa di Derna e passa molto tempo con la famiglia di Rosa, che ha tre figli (Rivo, Luzio e Nario).

Piano piano si ambienta, si integra e impara a suonare il violino, ma è con il suo ritorno, che le differenze maggiori vengono a galla.

Amerigo scopre che i contatti tra le famiglie ospitanti e i loro ospiti sono mantenuti, tranne che nel suo caso. Sua madre Antonietta, a suo modo, lo sta difendendo da una realtà per loro impossibile da eguagliare, anzi probabilmente da dimenticare. Ferito, si rimette clandestinamente su un treno e torna in Alta Italia.

Dopo decenni sarà chiaro che il bene ricevuto ha avuto il forte retrogusto amaro della perdita di una parte di sé. Grazie alla “so-li-da-rie-tà” Amerigo è diventato un violinista affermato: ma a che prezzo?

Recensione

Il libro procede in maniera molto scorrevole, grazie all’utilizzo dell’io narrante, di un italiano napoletaneggiante e al registro semplice e a volte buffo del protagonista bambino. La cura linguistica dell’autrice è ancora più chiara quando subentra il protagonista da adulto.

“Il treno dei bambini” ha sicuramente il grandissimo merito di rendere nota una iniziativa poco ricordata, ma ne mette anche in luce tutti i risvolti. Mostra con onestà tutti i possibili effetti nella vita di quei bambini: c’è chi è rimasto al Nord, chi è tornato subito al Sud, chi ha trovato il giusto equilibrio fra la famiglia nuova e quella vecchia e grazie a questi rapporti ha potuto studiare e diventare un magistrato. Tra queste storie ne è stata scelta una ambigua e irrisolvibile, come se si fosse voluta veicolare anche un’immagine che può sembrare disorientante: la collettività intende cercare il bene a ogni costo, ma il bene per chi?

“Tiene ragione Tommasino. Ormai siamo spezzati in due metà”

La figura della madre Antonietta divide i lettori: c’è chi prova avversione e chi la abbraccerebbe, perché riconosce il segno dei tempi in una generazione ritrosa e semplice nell’espressione dei sentimenti.

“Ma adesso che la distanza è incolmabile e so che non ti incontrerò più, mi viene il dubbio che sia stato tutto un equivoco, tra me e te. Un amore fatto di malintesi”

Ho letto questo libro perché è stato scelto da due gruppi di lettura di Pescara a distanza di alcuni mesi: il Gdl “Sulla traccia di Angela” della biblioteca “Di Giampaolo” per dicembre 2019 e il Gdl EquiLibro per luglio 2020.

Cristina Mosca

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

moglie, mamma e lettrice bulimica. a 10 anni scrivevo i miei primi racconti. a 14 ho scelto di insegnare inglese. adesso faccio entrambe le cose. credo in quello che non si vede a occhio nudo. tra le mie pubblicazioni: "chissà se verrà alla mia festa" (schena 2005), "e donne infreddolite negli scialli" (schena 2008), "loro non mi vedono" (ianieri 2014), "con la pelle ascolto" (ianieri, 2018). mi piace scrivere in lettere minuscole.

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” è il secondo libro di Wilbur Smith appartenente al ciclo dei Romanzi egizi. Scritto nel 1995, è arrivato in Italia tramite Longanesi (collana Tea).

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.