Amanti dei libri è una community, una famiglia gestita da appassionati di lettura e scrittura e destinata, appunto, agli amanti dei libri! Entra a farne parte anche tu!

“L’Odissea raccontata da Penelope, Circe, Calipso e le altre” – Marilù Oliva

Una storia ha sempre molteplici punti di vista, si può guardare e raccontare da diverse angolature. Gli occhi delle donne raccontano il viaggio per eccellenza, l´Odissea, e il suo protagonista Ulisse, nel nuovo libro di Marilù Oliva “L’Odissea raccontata da Penelope, Circe, Calipso e le altre” (Solferino, febbraio 2020).


Trama di L’Odissea raccontata da Penelope

odissea-olivaNell’ultima pagina del libro è scritta una frase che fa riflettere:

“Se le tante donne incontrate non gli avessero teso una mano, Odisseo – forse – sarebbe ancora in viaggio”.

Certo, Ulisse è l´eroe che non teme niente e nessuno, che affronta innumerevoli pericoli con il coraggio e la scaltrezza che gli sono stati dati in dono, ma che piega avrebbe preso la storia se al suo fianco non ci fosse stata la Dea Atena a proteggerlo in maniera invisibile?

E cosa ne sarebbe stata di Itaca e del suo trono se Penelope non avesse avuto la pazienza di aspettare , l´ arguzia di difendere il posto del marito?

 

Recensione

Le donne dell´Odissea sono descritte dall’autrice con uno sguardo diverso. Se classicamente ci sono sempre state proposte come streghe, ammaliatrici e in qualche modo fuorvianti per Ulisse e il raggiungimento del suo scopo, qui ci appaiono totalmente diverse, con la loro anima di donna messa in risalto.

Calipso dolcissima, nella sua giovinezza, rimane ammaliata dall’eroe e dai suoi racconti e come ogni adolescente insicura e titubante, spera nel suo cuore di poter trattenere Ulisse con se, anche se sa perfettamente che questo non potrà accadere.

Le splendide sirene, che si divertono ad ammaliare i marinai che passano intorno alle loro acque, senza preoccuparsi di chi siano, “ non facciamo distinzione tra schiavi, contadini e sovrani” affermano e rimangono deluse per non essere riuscite a far naufragare Ulisse con il suo equipaggio.

Tra tutti i personaggi che hanno voce, però, quello che a mio parere risalta su tutti è Circe, la maga che trasforma gli uomini in maiali. Dalle sue parole si descrive l´immagine di una donna consapevole del suo ruolo, una femminista ante litteram che sta stretta nei panni di colei che deve sottostare al volere maschile, e proprio per riscattare questo ruolo subalterno, usa i suoi poteri magici per vendicare se stessa e tutte le donne, rendendo inoffensivi gli uomini.

Infine, uno degli ultimi capitoli è dedicato a Euriclea. La sua condizione di schiava non le da´ certo ampio spazio e il suo ruolo di nutrice prima di Ulisse e poi del figlio Telemaco non viene molto riconosciuto. Comprata per venti buoi (”tanto valeva la mia vita”), la sua scelta di diventare nutrice è un modo per sentirsi meno schiava, per godere di un minimo di libertà in più rispetto alle altre mansioni delle serve. Pieno di amore quasi materno è il suo racconto del ritorno di Ulisse.

90%
Molto bello

L'Odissea raccontata da Penelope

Consigliato a chi ha voglia di mettersi in un'altra prospettiva per leggere una storia

  • Voto redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Se non sei d'accordo, potresti decidere di lasciare il sito. Accetta Leggi altro