“La famiglia Winshaw” – Jonathan Coe

^

Voto redazione

Data di pubblicazione

17 Set, 2019
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Nel 1995 arrivava in Italia “La famiglia Winshaw”, di Jonathan Coe (titolo originale “What a carve up!”, che suonerebbe come “Che ripartizione!”), il romanzo vincitore dello storico John Llewellyn Rhys Prize, uno dei Premi più antichi e longevi d’Inghilterra per gli autori under 35.


La trama di La famiglia Winshaw

copertina la famiglia winshawLa trama ruota intorno, neanche a dirlo, i componenti della famiglia Winshaw. Sono ricchissimi e avidi e hanno nelle loro mani i meccanismi più importanti del Paese. Hanno mani in pasta nei campi dell’opinione, dell’allevamento, della cinematografia e perfino delle armi. Michael Owen è uno scrittore che riceve l’incarico di ricostruire la loro biografia.

Il libro è la combinazione di quello che scrive Michael (ritagli di giornale compresi) e quello che Michael vive, con un effetto verghiano: ci viene rivelato come ogni scelta dei potenti ricada sul piccolo cittadino, schiacciandolo come una formica sotto la punta dell’ombrello. Esisterà una punizione adatta?

Recensione

Questo libro è una giostra”, ha commentato qualcuno sul gruppo Facebook Book Club Italia, che ha scelto “La famiglia Winshaw” come lettura per il mese di settembre. In effetti è la sintesi migliore: il movimento che percepiamo intorno a noi è di rotazione. Il libro si apre e si chiude nella grande casa di famiglia, in occasione prima di un compleanno e poi di una ripartizione (da qui il titolo). I personaggi appaiono e scompaiono continuamente, sbucano anche da dove non ti aspetti, anche quando nemmeno loro lo sanno.

Il libro inizia come un romanzo e finisce assomigliando a un giallo, in omaggio al canone dell’ “enigma della camera chiusa”. Si tratta di una specie di sottogenere letterario: nel giallo l’obiettivo è scoprire il responsabile, invece in una camera chiusa il colpo di scena si ha quando si scopre come il crimine è stato compiuto, perché apparentemente impossibile.

La lettura delle cinquecento pagine è gradevole, persino quando si entra in particolari crudi. Nell’edizione che ho letto io, del 1999 della Feltrinelli, ho trovato proposti alcuni antichismi che mi sono sembrati anacronistici, come il verbo “delibare” che significa assaporare qualcosa di squisito. Mi è rimasta la curiosità di conoscere la scelta in lingua originale, anche se della traduzione si è occupato Alberto Rollo, che all’epoca aveva quarantacinque anni ed era direttore letterario Feltrinelli dopo vent’anni in Baldini&Castoldi.

What a carve up!” è stato adattato per una serie radiofonica da BBC Radio 4.

Cristina Mosca

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

moglie, mamma e lettrice bulimica. a 10 anni scrivevo i miei primi racconti. a 14 ho scelto di insegnare inglese. adesso faccio entrambe le cose. credo in quello che non si vede a occhio nudo. tra le mie pubblicazioni: "chissà se verrà alla mia festa" (schena 2005), "e donne infreddolite negli scialli" (schena 2008), "loro non mi vedono" (ianieri 2014), "con la pelle ascolto" (ianieri, 2018). mi piace scrivere in lettere minuscole.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.