grafica complemento di stima
7

Scorri fino al contenuto...

Teoria ed esercizi sul complemento di stima. Presta attenzione alla differenza con il complemento di prezzo.


Il complemento di stima

La vecchia macchina da scrivere di Dario è stata valutata 750 euro al mercatino dell’usato.

L’espressione 750 euro indica quanto è stata valutata la macchina da scrivere di Dario e rappresenta un complemento di stima.

Il complemento di stima indica sia la valutazione morale sia la valutazione commerciale di una persona, di un animale o di una cosa.

Esso risponde alle domande quanto? quanto vale? quanto è stimato?

È introdotto dalla preposizione su (semplice o articolata) o dalla locuzione prepositiva intorno a se la valutazione è approssimativa.

Non è introdotto da alcuna proposizione quando dipende da verbi come valutare, stimare, considerare, valere, apprezzare.

 

ATTENZIONE! Non confondere il complemento di prezzo con quello di stima. Il complemento di prezzo indica il costo di un oggetto o di un animale, oppure il prezzo al quale sono stati venduti o comprati. Risponde alle domande quanto? Quanto costa? A che prezzo? A quanto?

La stima indeterminata, morale o materiale, è espressa da avverbi o locuzioni avverbiali come tanto, assai, niente, molto, di più, per niente, di meno, in poco conto.

Tale complemento può essere espresso anche per mezzo delle seguenti espressioni idiomatiche: una cicca, un sacco, un centesimo, niente di niente, il becco di un quattrino.

 

Frasi con il complemento di stima

Ecco alcune frasi di esempio con questo complemento:

La tua bici è stimata intorno ai 560 euro.
Quel quadro vale una fortuna!
Tutti stimano moltissimo nonno Alfio.
Luca mi piace! Ha quel suo modo di fare così dolce, lo stimo un sacco!
La tua auto non vale una cicca.
Ho saputo che l’assicurazione ha stimato i danni intorno a 8000 euro.

 

Esercizi

Individua il complemento di stima nelle seguenti frasi (in alcune frasi potrebbe trattarsi di complemento di prezzo, presta attenzione!):
  1. Chiedergli scusa mi è costato un sacco.
  2. L’orefice ha stimato il mio anello intorno a 500 euro.
  3. Stimo poco le persone che criticano gli altri.
  4. Ho pagato a caro prezzo la mia ingenuità.
  5. Mio fratello è uno spendaccione, non valuta niente il denaro.

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Amanti dei libri è una community, una famiglia gestita da appassionati di lettura e scrittura e destinata, appunto, agli amanti dei libri! A nome di questo profilo vengono infatti pubblicati la maggior parte dei contenuti realizzati dai membri della nostra community. Ti piace questa iniziativa? Entra a farne parte anche tu!

Altri contenuti che potrebbero piacerti…

Il complemento di vocazione

Il complemento di vocazione

Il complemento di vocazione o vocativo indica qualcuno o qualcosa a cui ci si rivolge in un discorso diretto.

2 Commenti

  1. Inoria

    Spesso si confonde il complemento di stima con il complemento preficativo. Come distinguerli?Grazie

    Rispondi
    • Cristina Mosca

      Il complemento di stima dipende da verbi come “stimare”, “valutare”, “valere” e risponde alla domanda “quanto?”. Il complemento predicativo invece completa il significato di alcuni verbi, quali “considerare”, “chiamare”, “nominare”, “giudicare” e risponde alla domanda “come?”

      Esempio:
      Questo gioiello non vale un euro ( quanto? Compl. di stima)
      Il tuo romanzo è considerato un capolavoro ( come? Compl. predicativo)

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.