“Nero lucano” – Piera Carlomagno

^

Categorie

^

Voto redazione

5 stelle

Data di pubblicazione

8 Giu, 2021
nero-lucano-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

in viaggio

Nuove proposte - Valerio Mottin

copertina in viaggio

Se fosse stato pubblicato in America, “Nero lucano” di Piera Carlomagno (Solferino 2021) sarebbe stato probabilmente definito un “page turner”, ovvero un libro che costringe il lettore a voltare continuamente la pagina senza riuscire a interrompere la lettura. E di fatto questo romanzo presenta la tensione e il ritmo di un grande thriller: vi sarà difficile interromperne la lettura prima di essere giunti alla risoluzione finale. Ringraziamo l’agenzia Anna Maria Riva e la casa editrice per la copia digitale in omaggio.

Trama di Nero lucano

A Grottole, un paesino del materano, viene rinvenuto il cadavere di un uomo dal cranio orrendamente spaccato in due, forse da un colpo d’ascia; tra le sue mani, quasi a firmare il delitto, una cartina geografica della Basilicata. Si tratta di Brando Carbone, un noto ingegnere di origini lucane che da tempo abita a Varese, tornato in paese per affari sui quali sembra esserci poca chiarezza. La sua efficiente segretaria – e forse anche amante – ne ha preso le tracce proprio alla vigilia della firma di un accordo importante; la moglie Leda, donna indefinibile e inquieta, si mostra tanto vaga da divenire presto una palese sospettata.

Recensione

Piera Carlomagno mette in scena una detective assolutamente “centrata” e singolare: l’anatomopatologa Viola Guarino, un po’ scienziata e un po’ strega. Figlia di una madre eccentrica, nipote di una lamentatrice funebre professionista e di uno stregone in camice da farmacista, Viola possiede una naturale conoscenza degli abissi dell’animo umano e un intuito quasi inquietante. Accanto a lei si muove Loris Ferrara, Sostituto Procuratore napoletano di istanza a Matera perché in fuga da un matrimonio in crisi. Insieme dovranno orientarsi in una storia altalenante tra droga, perversione, esoterismo e religiosità.

“Nero lucano” è un noir dai meccanismi perfetti, dotato di una massiccia dose di suspense. Al tempo stesso è un romanzo dalla scrittura “artigianale”, che attinge molto dalla narrativa di provincia in termini di ricostruzione degli ambienti e di approfondimento emotivo dei personaggi che l’autrice ci rende perfettamente credibili e reali.

Sullo sfondo c’è una Matera invernale e tempestosa, ricca di un fascino inquietante: fa da scenario perfetto alla discesa di Viola nei meandri della psiche e alla sua corsa contro il tempo sulle tracce dell’assassino.

L’ultima pagina la voltiamo con una sorta di nostalgia per una storia che è già finita e che vorremmo non avere ancora letto. Ma anche col desiderio e la speranza di tornare ancora in Basilicata.

Insomma, aspettiamo con ansia nuove avventure di Viola.

Lara Mei

Amanti dei libri

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Amanti dei libri è una community, una famiglia gestita da appassionati di lettura e scrittura e destinata, appunto, agli amanti dei libri! A nome di questo profilo vengono infatti pubblicati la maggior parte dei contenuti realizzati dai membri della nostra community. Ti piace questa iniziativa? Entra a farne parte anche tu!

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *