“Ragazzi di vita” – Pier Paolo Pasolini

^

Categorie

^

Voto redazione

5 stelle

Data di pubblicazione

15 Dic, 2019
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

“Ragazzi di vita” è un romanzo di Pier Paolo Pasolini pubblicato per la prima volta nel 1955 da Garzanti.

Trama

Il Riccetto, il Lenzetta, il Begalone e tanti altri ragazzi romani, figli delle periferie, della povertà, del degrado e del sottoproletariato si muovono dai loro quartieri periferici verso il centro, in cerca di una svolta. Pasolini dipinge con estrema maestria la Roma povera del dopoguerra e gli anni passeranno insieme ai protagonisti, che parlano l’unica lingua che conoscono: il romanesco.

Recensione Ragazzi di vita di Pasolini

copertina ragazzi di vita

Ho amato questo libro e lo ritengo uno dei maggiori romanzi del panorama letterario nostrano.

Il Riccetto è un dritto, sveglio come pochi, ma anche lui, nella città ‘delle sòle’ a volte può prendere una fregatura. Con il Begalone e con il Lenzetta attraversano tutta Roma alla ricerca costante di una svolta, che li possa far mangiare o sfogare gli ormoni con qualche donna di strada. Il ferro lo pagano bene e di posti dove andarlo a rubare Roma è piena. In qualche modo si deve pur campare e il gioco delle tre carte mica lo sanno fare solo a Napoli.

Pasolini ci regala un romanzo unico, spettacolare, duro come un pugno nello stomaco di prima mattina e dolce, ma di una dolcezza ruvida che sa di fatica, come una carezza con i calli sulle mani.

I personaggi sono denunce sociali bipedi che si muovono per la capitale alla ricerca costante di quattrini. A volte dormono per strada, altre riescono a svoltare e altre ancora si cacciano nei guai, ma il lettore, nel bene o nel male sarà sempre con loro.

Per chi il mare non l’ha mai visto, il Tevere è come il mare, ci puoi fare il bagno e se rimedi i soldi pure un giro in barca, ti ci puoi lavare e anche nuotare: ‘Però, a coso, sta attento ai mulinelli che te porteno affonno! Er piccolo Genesio m’avrà ‘nteso?’ Ma lui che ne sa, vuole solo fare il dritto con i ragazzi più grandi, così non lo vesseranno più, e impressionare i fratelli. Loro sono solo tre ragazzini, sono scappati di casa e i carabinieri li cercano.

Le periferie sono il ventre mollo della città eterna, le pance brontolano per la fame e a volte a forza di sbattersi per rimediare i soldi, la fiacchezza ti leva le forze, le gambe diventano deboli e ti senti venir meno, finché il pallore decolora l’epidermide e allora pensi: “Sta botta ce rimango”. Anche se il vino sostiene non basta e a volte brucia gli stomachi che non vedono qualcosa di solido da un paio di giorni, allora tutto ricomincia nel turbine del caos umano e del diritto sacrosanto alla sopravvivenza.

I buoni sentimenti nella narrazione fanno giusto capolino, ma poi si ritirano schifati, non sono buoni neanche per usarli come segnalibro. L’aria è pregna di disagio, degrado e miseria. La batteria narrativa è una cassa e un rullante sempre a pieno regime, un fraseggio dal ritmo dinamico che suona le note del riscatto sociale e arresta il suo moto, solo di tanto in tanto, per regalare al lettore scorci di pura poesia, rustica ma di un’aulica bellezza. I protagonisti parlano come mangiano, senza giri di parole, dritti all’obiettivo. Hanno sguardi poco fiduciosi, che a stare sempre in campana non si sbaglia mai. I lavori sono talmente precari da considerarsi apostrofi in un discorso più grande di noi e sono pagati talmente male che la strada rende di più. Qualcuno finisce ingabbiato, altri fanno una fine peggiore, la lotta alla sopravvivenza è un girone infernale, ma a volte ci regala anche una risata, che a starsene sempre abbacchiati neanche la vita ti sorride più.

Ragazzi di vita di Pasolini è un romanzo coraggioso, realistico, caustico e tanto altro. Una motrice narrativa che alza un lezzo di abbandono e poche speranze. Un contenitore vorace nutrito con il decadimento delle classi sociali proletarie. Prosa che racconta e si fa denuncia, coeva della situazione delle periferie romane abbandonate a sé stesse, problema tutt’oggi ancora irrisolto.

Sicuramente un libro consigliatissimo, ma lor signori si astengano se sono alla ricerca di un libro da ombrellone.

Silvia

Amanti dei libri

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Amanti dei libri è una community, una famiglia gestita da appassionati di lettura e scrittura e destinata, appunto, agli amanti dei libri! A nome di questo profilo vengono infatti pubblicati la maggior parte dei contenuti realizzati dai membri della nostra community. Ti piace questa iniziativa? Entra a farne parte anche tu!

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.