“Tutto il resto è solo rumore” – Vincenzo Di Giacomo

^

Categorie

^

Voto redazione

Data di pubblicazione

4 Mar, 2020
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Trama

Il romanzo, autopubblicato nel 2014, ha due scenografie mozzafiato: Firenze e Procida. È la storia di Luisa e Gianni, nonni di Gabriele, uno studente universitario dei giorni nostri. La coppia racconta al nipote, ognuno offrendo il suo punto di vista, la storia di una parte della loro giovinezza, quella in cui i loro destini hanno incrociato quello di Margherita, una ragazza sordomuta che i due ragazzi hanno conosciuto a Procida, dove vivevano i nonni di Luisa.copertina tutto il resto è solo rumore

Recensione Tutto il resto è solo rumore

Il romanzo è scritto bene, in maniera molto semplice, si legge facilmente e volentieri.

Contiene un messaggio bellissimo che riguarda una realtà di cui si parla molto poco, ovvero il mondo dei sordomuti. Impariamo in questo romanzo che il mutismo è legato al non sentire, ma sono due menomazioni che possono interrompere il loro percorso parallelo grazie alla terapia logopedica, e così, persone non udenti possono imparare a esprimersi normalmente.

L’autore ci offre un resoconto storico di come venivano trattati i sordomuti nel dopoguerra: veniamo a conoscenza di maltrattamenti, riduzioni in schiavitù, abusi sessuali compiuti su persone che non avevano nessun mezzo per comunicare, nemmeno per iscritto, essendo esclusi anche dalle scuole.

Ho capito che le menomazioni non sono tali per chi le vive, ma fanno paura a chi ha che fare con persone con handicap e deve stravolgere le proprie abitudini per poter interagire con loro. Così per anni si è scelta la strada più comoda, quella che sembrava ovvia dopo un’analisi affrettata e superficiale.

Belle e suggestive le descrizioni sia di Procida che di Firenze, oltre a conoscerle molto bene, sembra che per l’autore siano posti molto cari.

Ho apprezzato molto il racconto della commozione, che diventa malessere, della nonna di Gabriele, quando apprende tutta la verità sulla vita di Margherita, “il rigurgito della memoria” è, senza dubbio, la parte del libro che ho preferito.

C’è, a mio parere, una grande pecca nella scelta del narratore che rende il racconto lontano, finto e fa percepire note stonate durante la lettura del romanzo.

La storia è un racconto di fatti accaduti cinquant’anni prima, andava perciò evitata la terza persona. Se Gabriele, a cui è rivolto il racconto, fosse stato il narratore in prima persona, avrei sentito il romanzo più autentico, più vero. Nonostante la linearità del linguaggio, il parlare di Gabriele in terza persona, rende il racconto a volte poco chiaro.

Consigliato a chi ama ascoltare i racconti di famiglia

 

Adelaide Landi

Adelaide Landi

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Mi piace leggere sin da quando ero bambina, nei ricordi più belli della mia infanzia ci sono libri con copertine colorate: Heidi è stato ovviamente il primo, poi Piccole donne e tutti i seguiti (di cui ricordo poco, i seguiti di un capolavoro deludono sempre), Il giardino segreto. La penna mi ha sempre chiamato almeno quanto i libri, ma non me ne sono accorta finché per caso o semplicemente perché era giunto il momento che io lo capissi, mi è stato chiaro che adoro scrivere almeno quanto adoro leggere. Mi piacciono i romanzi storici, penso che capire quello che è stato aiuti a comprendere quello che è. Scelgo un libro da leggere se penso che la sinossi stia cercando di dirmi qualcosa, in ogni libro c'è un messaggio che spera di raggiungere al più presto i suoi destinatari.

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” è il secondo libro di Wilbur Smith appartenente al ciclo dei Romanzi egizi. Scritto nel 1995, è arrivato in Italia tramite Longanesi (collana Tea).

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.