“Alright compa’” – Rino Garro

^

Voto redazione

4 stelle

Data di pubblicazione

31 Dic, 2021
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Rino Garro, calabrese di nascita, vive e lavora a Firenze. Ha collaborato a diversi progetti tra cui “L’officina del Racconto”. Il suo romanzo “Alright compa’” è uscito in libreria lo scorso 11 novembre per Rubettino.

Trama di Alright compa’

Un insegnante precario decide di lasciare per qualche tempo Firenze, la città che lo ha accolto e nella quale ha studiato. La meta è Manchester, dove il suo caro amico Mario vive e gestisce un ristorante.
Attraverso il racconto di serate tra amici, qualche alzata di gomito, qualche incontro che lascia quel tanto di amaro in bocca, il nostro protagonista ripercorre le tappe della sua esistenza.

Recensione

Un viaggio è un esperienza che cambia nell’intimo l’individuo che lo intraprende, nessuno ne torna senza riportare con sé qualcosa e senza lasciare un po’ di sé.
Così, per il nostro protagonista, quello che doveva essere un breve soggiorno a casa di Mario, quasi un passaggio fugace, si trasforma in una permanenza di diverse settimane e soprattutto in un viaggio alla ricerca di se stesso.
Chissà se egli riuscirà a trovare le tessera mancante del suo mosaico. Il finale non sembra così finale e lascia un varco aperto all’immaginazione. Chissà…

I dialoghi sono scanzonati e leggeri ma di una leggerezza che nulla ha a che vedere con la superficialità. Piuttosto un ridere nel pianto o un abbraccio fraterno e disinteressato.
La nebbia che avvolge il paese sembra non toccare il cuore di Mario che mostra una straordinaria umanità, un sorriso per tutti, una mano sempre tesa verso il prossimo.

L’atmosfera è rassicurante e malinconica al contempo. I personaggi sono ben definiti.
La scrittura è piacevole, le espressioni dialettali (anche Nero, il cane di Mario mastica il calabrese!) fanno sorridere e ci ricordano che nessuno, nonostante il tempo e le distanze, dimentica mai del tutto le proprie origini.
Un romanzo dal sapore tanto dolce dell’amicizia e dell’amore, quanto amaro dell’ abbandono e del tempo che inesorabile scandisce le stagioni della vita.

Arcangela Guida

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Di madrelingua francese, sono nata a Lione e vivo a Roma, città nella quale ho studiato e alla quale ormai non saprei rinunciare. Mamma di Emanuele, mi divido tra lavoro in farmacia - dispenso farmaci, buoni consigli qualche volta, sorrisi sempre - lezioni di francese e corse varie. La mia vita, a tratti sembra la pubblicità della fiesta: ”Tutto il giorno di corsa, a pranzo un panino al volo, adesso non ci vedo più dalla fame!”. Credo nelle coincidenze e nel potere delle parole. Le parole hanno un peso, fanno e disfano la realtà, quasi mai sono casuali. Leggo molto... quasi sempre di notte, quasi mai di giorno. Ma no, non temete di incontrarmi, non sono un vampiro!

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.