Augustus di John Williams

^

Categorie

^

Voto redazione

Data di pubblicazione

28 Set, 2020
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Pubblicato nel 1971, “Augustus” di John Williams è stato pubblicato in Italia da Fazi editore nel 2017, nella traduzione di Stefano Tummolini.

L’autore tiene a precisare che i fatti narrati sono frutto della sua immaginazione: l’ordine cronologico degli avvenimenti non è rispettato, alcuni personaggi sono del tutto inventati, insomma ci troviamo di fronte a un testo che è certamente storico, ma è l’immaginazione a farla da padrone.


Trama di Augustus

Dopo l’assassinio di suo zio Giulio Cesare, Ottaviano è un ragazzo di vent’anni, chiamato a governare l’impero più importante al mondo. Assistiamo alla sua ascesa e viviamo i rapporti con amici e nemici di un imperatore il cui nome, dopo due millenni, non ha perso la sua aura di grandezza. Troviamo Virgilio, Marco Antonio, Marco Agrippa, Pompeo, il figliastro Tiberio Claudio Nerone e le donne della sua vita, la figlia Giulia, la moglie Livia.

Attraverso delle epistole tra i vari personaggi del tempo, alcuni documenti e il diario di Giulia viene ricostruita l’epoca augustea, nella quale immoralità e corruzione non hanno impedito all’impero di godere di un lungo periodo di pace.

Recensione

“Augustus” è un romanzo che ti prende piano piano, con cautela, con la discrezione di chi vuole diventare tuo amico un po’ alla volta, perché è giusto così, la fiducia ha bisogno di qualche esame prima. L’autore utilizza numerosi flashback e flashforward che all’inizio rallentano la comprensione delle vicende, ostacolando anche la comprensione dei personaggi, ma è un effetto che aumenta il gusto della storia stessa, una volta entrati nelle vicende. E’ come se quella diffidenza e quel distacco iniziale fossero il preludio necessario per apprezzare un bellissimo spettacolo.

“Dunque non decisi di cambiare il mondo a causa di quel facile idealismo e di quel moralismo cieco, che sono sempre forieri di sconfitta; né volli farlo allo scopo di accrescere la mia ricchezza e il mio potere; perché la ricchezza che non si contenta del benessere mi è sempre parsa la più noiosa delle conquiste, e il potere che trascende la sua utilità, la più disgustosa. Fu il destino ad afferrarmi, quel pomeriggio ad Apollonia, quasi sessant’anni oro sono: e io scelsi di non sottrarmi al suo abbraccio.”

E’ un libro sulla fragilità, mette sullo stesso piano tutti gli uomini, anche quelli che si sono ritrovati a coprire cariche di prestigio. E’ così che la vita travagliata di Augusto potrebbe essere la vita di ognuno di noi. Il macigno della decisione, cosa è giusto e cosa è sbagliato, quello che sembra e quello che è, Augusto uomo, Augusto marito, Augusto padre, ma prima di tutto Augusto imperatore di Roma.

Giulia, figlia di Augusto e della prima moglie, accetta tutti i mariti che il padre le “assegna”, ma non concede a nessuno di loro la parte più intima di sé. Riesce ad obbedire al padre e a non venir meno al suo ruolo pubblico, ma quando, dopo la morte del marito Marco Agrippa, Augusto la concede in sposa all’odiato Tiberio, Giulia non riesce più a nascondersi. Tradisce il marito con più uomini, la vera natura di Giulia, come di ogni donna, esplode quando è costretta a giacere con un uomo del tutto incapace di provare di amarla.

[bs-white-space]

Adelaide Landi

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Mi piace leggere sin da quando ero bambina, nei ricordi più belli della mia infanzia ci sono libri con copertine colorate: Heidi è stato ovviamente il primo, poi Piccole donne e tutti i seguiti (di cui ricordo poco, i seguiti di un capolavoro deludono sempre), Il giardino segreto. La penna mi ha sempre chiamato almeno quanto i libri, ma non me ne sono accorta finché per caso o semplicemente perché era giunto il momento che io lo capissi, mi è stato chiaro che adoro scrivere almeno quanto adoro leggere. Mi piacciono i romanzi storici, penso che capire quello che è stato aiuti a comprendere quello che è. Scelgo un libro da leggere se penso che la sinossi stia cercando di dirmi qualcosa, in ogni libro c'è un messaggio che spera di raggiungere al più presto i suoi destinatari.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.