Bilanci

^

Categorie

Data di pubblicazione

21 Nov, 2021
bilanci-cover
7

Scorri fino al contenuto...

L’orologio a parete scandisce i secondi come colpi di martello su una parete che resiste. La forchetta nell’acquaio rompe l’equilibrio sul piatto sporco di sugo, emettendo un suono freddo come la sua superficie.

Un altro sabato sera è arrivato, con tutti i bilanci che si porta dietro e i conti non quadrano nemmeno stasera. Il telegiornale racconta i guai del mondo, ma le ingiustizie, la disparità non indignano Lucilla che pure li sente: stasera niente è più insopportabile del suo modesto dolore. Ha deciso di passarlo a casa, da sola, lucida per guardare in faccia tutti i suoi demoni. Da sbronza le sembrano anche più minacciosi di quanto siano in realtà: l’euforia amplifica il suo timore e ha il terrore di tornare lucida e guardarli con la sobrietà che meritano.

Basta persone che con lei non c’entrano niente, che siano donne con demoni diversi o simili ai suoi, da cacciar via per qualche ora, o uomini a cui stare abbracciata il tempo di un amplesso, poco importa.

Stasera Lucilla li guarda bene in faccia, li chiama per nome: bisogno d’amore, un figlio o una figlia. Ne immagina i tratti, il colore dei capelli, l’ampiezza delle narici, la curva delle lebbra, il profumo della pelle, cercando le somiglianze che lo rendono suo.

Adesso, però, chiama per nome anche i suoi successi: i suoi articoli, la sua firma sul giornale tutti i venerdì, il giornale della sua città, dove tutti la conoscono, anche solo di fama. Lucilla Di Benedetto in quell’angolo di mondo è qualcuno.

Il colpo di grazie glielo aveva dato il suo avvocato, non il suo quasi ex marito, cui spettava a pieno titolo quel diritto, il dovere di quella confessione. <<Avrei dovuto dirtelo prima, ti chiedo scusa, non ne ho avuto modo.>> Queste le parole pronunciate, al telefono, a fine turno, dal dottor Pasquale De Piscopo, prossimo primario del reparto di chirurgia, marito agli sgoccioli, compagno pieno di premure di Veronica, giovane dottoressa fresca di master e traboccante di incontenibili ambizioni.

Interpretazione corretta di quelle apparenti scuse, visto il soggetto che le aveva pronunciate, era però un’altra: “Hai ragione, ma sai, io salvo vite, non ho tempo per le tue recriminazioni”.

Lucilla stasera pensa agli anni sprecati a rimandare, agli altri scanditi dai tentativi falliti. La gioia per ogni ritardo la custodiva come una delle emozioni più belle mai provate. Forse era proprio il mancato coronamento a felicità a renderlo così speciale, come ogni amore che non sboccia e resta intrappolato nel rimpianto, anziché affossato dalla delusione.

Adelaide Landi

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Mi piace leggere sin da quando ero bambina, nei ricordi più belli della mia infanzia ci sono libri con copertine colorate: Heidi è stato ovviamente il primo, poi Piccole donne e tutti i seguiti (di cui ricordo poco, i seguiti di un capolavoro deludono sempre), Il giardino segreto. La penna mi ha sempre chiamato almeno quanto i libri, ma non me ne sono accorta finché per caso o semplicemente perché era giunto il momento che io lo capissi, mi è stato chiaro che adoro scrivere almeno quanto adoro leggere. Mi piacciono i romanzi storici, penso che capire quello che è stato aiuti a comprendere quello che è. Scelgo un libro da leggere se penso che la sinossi stia cercando di dirmi qualcosa, in ogni libro c'è un messaggio che spera di raggiungere al più presto i suoi destinatari.

Altri contenuti che potrebbero piacerti…

Vergogna

Vergogna

Nel racconto “Vergogna”, Adelaide Landi racconta di una scena che avviene quotidianamente: la richiesta di aiuto, il senso di impotenza.

Borgo antico

Borgo antico

“Qualcuno aveva scritto: Viva i sposi. E’ quello che tutti chiamano “il borgo”, adagiato sulla collina a guardare il paese.” Ecco il racconto “Borgo antico” di Loretta Casagrande

“Partenze”

“Partenze”

Tempo di vacanze, tempo di partenze… Sicuro di aver preso tutto? Loretta Casagrande propone il racconto di un viaggio con bambine

“Amanda”

“Amanda”

E’ uno spirito libero, Amanda… e questo non cambierà mai. Ma un infortunio la costringe a mettere da parte il nuoto, sua grande passione.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *