“Caffè Voltaire” – Laura Campiglio

^

Categorie

^

Voto redazione

3 stelle e mezzo - Inaspettato!

Data di pubblicazione

13 Ott, 2020
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Trama

Anna Violetta Naldini ha trentacinque anni, un breve matrimonio alle spalle, scrive per un giornale di sinistra, “La locomotiva”, lo fa per compensi ridicoli e un malinteso con il suo capo la mette in condizione di non poter rifiutare un ingaggio da un giornale di destra, “I probi viri”.

Anna riesce a scrivere degli editoriali per entrambi i giornali, verità soggettive sui prossimi candidati alle elezioni politiche che i direttori delle due testate apprezzano molto.

Recensione   

L’ironia la fa da padrona in un romanzo in cui la politica non è terreno di scontro, bensì incontro di punti di vista. Laura Campiglio si prende gioco della classe politica con cui la sua eroina si trova ad aver a che fare, smascherandone le finalità con un umorismo che ha molto di tragico, nel suo rispecchiare spesso la realtà. Anna impartisce delle bellissime lezioni di politica: nell’affrontare i dogmi di entrambi gli schieramenti, mette di fronte le due diverse concezioni in un duello che non ha vincitori.

Anna incarna il modello della trentacinquenne italiana di oggi: è ancora troppo giovane per poter essere una donna affermata, ma, nel giorno del suo compleanno si trova a riflettere sull’incipit della Divina Commedia e sul “mezzo” nel quale lei si trova.

L’autrice offre al lettore dei personaggi attuali e simpaticissimi: Randa, la moglie del chirurgo che, tradita dal marito con una donna più giovane, si ricostruisce una vita attraverso i social media, Federica, che mette in discussione tutto quello in cui ha sempre creduto per un nuovo amore, Lodovico, talentuoso avvocato che rinuncia a una carriera avviata per non tradire i suoi principi. Infine, c’è nonno Pietro, saggio consigliere e punto di riferimento della giovane giornalista.

Il romanzo è molto piacevole, divertente, mai banale, offre un’attualissima fotografia dello scenario politico nazionale, dell’influenza dei social media nella vita di ognuno di noi.

Consigliato a chi cerca chiavi di lettura per il nostro tempo.

Adelaide Landi

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Mi piace leggere sin da quando ero bambina, nei ricordi più belli della mia infanzia ci sono libri con copertine colorate: Heidi è stato ovviamente il primo, poi Piccole donne e tutti i seguiti (di cui ricordo poco, i seguiti di un capolavoro deludono sempre), Il giardino segreto. La penna mi ha sempre chiamato almeno quanto i libri, ma non me ne sono accorta finché per caso o semplicemente perché era giunto il momento che io lo capissi, mi è stato chiaro che adoro scrivere almeno quanto adoro leggere. Mi piacciono i romanzi storici, penso che capire quello che è stato aiuti a comprendere quello che è. Scelgo un libro da leggere se penso che la sinossi stia cercando di dirmi qualcosa, in ogni libro c'è un messaggio che spera di raggiungere al più presto i suoi destinatari.

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” è il secondo libro di Wilbur Smith appartenente al ciclo dei Romanzi egizi. Scritto nel 1995, è arrivato in Italia tramite Longanesi (collana Tea).

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.