“Eroi e sangue nella Roma antica. La fine della Repubblica” – Irene Salvatori

^
^

Voto redazione

3 stelle e mezzo

Data di pubblicazione

26 Gen, 2021
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

In “Eroi e sangue nella Roma Antica” (Haiku edizioni 2018) Irene Salvatori ci racconta un secolo di storia romana, il periodo tra il 133 e il 44 a.C. Ringraziamo la casa editrice per la copia digitale in omaggio. Consigliato agli amanti della storia.

Trama di Eroi e sangue nella Roma antica

Irene Salvatori è appassionata di storia sin da bambina, questa passione è la protagonista assoluta di questa mappa storica che, come lei sottolinea, non vuol essere un saggio, ma un libro di divulgazione. Da Scipione l’Africano, i fratelli Gracchi e il loro sacrificio per la riforma agraria, passando per Mario e Silla, Catilina, Marco Antonio e Cicerone, ci fa arrivare al 44, anno dell’assassinio di Giulio Cesare, cui seguirà l’avvento dell’età augustea.

Recensione

“Eroi e sangue nella Roma antica” è una ricostruzione dettagliata degli accadimenti che i libri di storia ci forniscono in sintesi. Dove questi riportano date e luoghi di battaglie divenuti teatri di conquiste, l’autrice analizza il contesto socio-politico e le cause che hanno portato a quello scontro. Ci ricorda che “la storia la scrive chi vince”, però per ogni vittoria conseguita ci sono, allora come oggi, intere generazioni spazzate via con i loro sogni mai realizzati.

Il tono della narrazione è molto colloquiale, anche nelle pagine (poche!) in cui ho seguito con difficoltà il filo del discorso non riuscendo a comprendere l’intento narrativo, è stato capace di non farmi perdere la concentrazione. Ho avuto l’impressione di parlare con un’amica o con una professoressa di storia che ama il suo lavoro e lo fa amare anche a me.

“Coloro che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo”

(George Santayana, nella prefazione di Luigi Ciuti)

Irene Salvatori non si limita a presentare una cronaca, ma mette in discussione la storia come è sempre stata raccontata, è questo uno degli aspetti che ho trovato più interessanti. Il libro è una cronaca storica con annessa interpretazione: troviamo date e nomi che un po’ già conosciamo e tante risposte alle domande che lei si è posta. Ci invita a tenere sempre a mente che quando non ci sono più testimoni di un avvenimento, di un periodo storico, questo può essere ricostruito solo attingendo le fonti, ma può uno storico raccontare i fatti senza condizionamenti da parte di chi governa? Può riportare quanto accaduto senza che la sua narrazione modifichi gli eventi riportando un solo punto di vista? Anche oggi del resto, mentre viviamo il nostro tempo, abbiamo informazioni su ciò che realmente accade scevre di condizionamenti da chi controlla questo o quel giornale?

Confrontare le fonti e soffermarsi sulle differenze: questo è il consiglio dell’autrice per avere un quadro storico obiettivo ma personale.

Adelaide Landi

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Mi piace leggere sin da quando ero bambina, nei ricordi più belli della mia infanzia ci sono libri con copertine colorate: Heidi è stato ovviamente il primo, poi Piccole donne e tutti i seguiti (di cui ricordo poco, i seguiti di un capolavoro deludono sempre), Il giardino segreto. La penna mi ha sempre chiamato almeno quanto i libri, ma non me ne sono accorta finché per caso o semplicemente perché era giunto il momento che io lo capissi, mi è stato chiaro che adoro scrivere almeno quanto adoro leggere. Mi piacciono i romanzi storici, penso che capire quello che è stato aiuti a comprendere quello che è. Scelgo un libro da leggere se penso che la sinossi stia cercando di dirmi qualcosa, in ogni libro c'è un messaggio che spera di raggiungere al più presto i suoi destinatari.

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Tolstoj” – Pietro Citati

“Tolstoj” – Pietro Citati

“Tolstoj” è la monografia con cui il critico letterario Pietro Citati vinse il Premio Strega nel 1984 con Longanesi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *