“Il colibrì” – Sandro Veronesi

^

Voto redazione

5 stelle

Data di pubblicazione

18 Lug, 2020
colibri_copertina
7

Scorri fino al contenuto...

la ragazza della neve

Bestseller - Pam Jenoff

copertina la ragazza della neve libro

“Il colibrì” di Sandro Veronesi (La nave di Teseo, 2019) è un libro che per noi ha meritatamente vinto il Premio Strega 2020, raccontato con una prosa asciutta e scorrevole, che cattura il lettore e lo rende partecipe delle vicende narrate in maniera del tutto coinvolgente.


Trama de Il colibrì

colibri_copertina

Il colibrì, l´uccello più piccolo del mondo, capace di sbattere le ali settanta volte al secondo per rimanere fermo in aria sospeso: è questo il soprannome che viene dato a Marco Carrera, il protagonista del romanzo. E nessun altro nome poteva descrivere appieno il personaggio: negli anni dell´adolescenza visibilmente più piccolo dei suoi coetanei, ma soprattutto tenace e , in quella che può apparire immobilità, una straordinaria resistenza di fronte ai terribili dolori e alle vicissitudini che la vita gli propone.

Tra le pagine del libro scorre tutta la vita di Marco, in un intreccio sapiente di dettagli, personaggi, racconti: la Firenze borghese degli anni `70 fa da sfondo alla vita di un giovane e della sua famiglia, una facciata apparentemente normale e forse felice ,che nasconde incomprensioni e malumori.

Marco e il rapporto con i genitori, cosi diversi l´uno dall’altro sia caratterialmente che nell’affrontare l’incedere della vecchiaia e la malattia.

Marco e le donne che circondano la vita: madre, sorella, amica, moglie, figlia e nipote che , come per una incredibile coincidenza si trovano a frequentare lo psicanalista, generando in lui una disaffezione per questa figura professionale.

Marco e il rapporto incrinato con il fratello, che si ricucirà solo dopo anni di silenzi e lontananza.

Marco e l´eredità di una famiglia da raccogliere, da sistemare, perché ne venga rispettata e perché non ne vada persa nemmeno una pagina, come quelle della collezione di libri Urania del padre, cosi preziosa.

Marco e il gioco d´azzardo, che da spada pericolosa si trasformerà in ancora di salvezza e di rinascita di una persona nuova.

Marco e la sua nipotina, ”l’uomo nuovo”, la creatura che con il suo semplice e naturale carisma, con i suoi tratti somatici frutto di tutti i popoli del mondo, sarà la svolta di tutta l´esistenza , fino al passo finale.

Recensione

Marco è un personaggio apparentemente normale, come tanti, un professionista di successo, ma quello che fa la differenza è il suo mondo interiore, il suo essere colibrì, il suo “stare fermo”, in un mondo fatto di continui cambiamenti e movimenti.

Bellissima la riflessione in cui, in una lettera all’amica di sempre, spiega il significato dell´immobilità, delle ragioni che la giustificano e del fatto, che in un contesto come quello moderno, che conosce solo il cambiamento, chi rimane immobile viene tacciato di vigliaccheria.

E una vita vissuta in questo modo, non poteva che concludersi proprio come Marco ha scelto.

Danipoetessa

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Amo l'arte in tutte le sue forme: scrivo, dipingo e scatto foto. Adoro il mare e la montagna, il bosco è la mia casa, apprezzo le cose semplici e il silenzio, mi piacciono la musica e la poesia, vado pazza per i papaveri e i girasoli, adoro cucinare, leggere e sono donatrice di voce per la lettura di audiolibri. Sogno un giorno di vedere l'Africa. Non riesco a stare ferma un minuto...

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Il pane perduto” – Edith Bruck

“Il pane perduto” – Edith Bruck

“Il pane perduto” di Edith Bruck è un romanzo autobiografico pubblicato da La nave di Teseo a gennaio 2021. Il romanzo è tra i dodici finalisti della LXXV edizione del Premio Strega.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *