Amanti dei libri è una community, una famiglia gestita da appassionati di lettura e scrittura e destinata, appunto, agli amanti dei libri! Entra a farne parte anche tu!

“Il colibrì” – Sandro Veronesi

“Il colibrì” di Sandro Veronesi (La nave di Teseo, 2019) è un libro che per noi ha meritatamente vinto il premio Strega 2020, raccontato con una prosa asciutta e scorrevole, che cattura il lettore e lo rende partecipe delle vicende narrate in maniera del tutto coinvolgente.


Trama de Il colibrì

colibri_copertinaIl colibrì, l´uccello più piccolo del mondo, capace di sbattere le ali settanta volte al secondo per rimanere fermo in aria sospeso: è questo il soprannome che viene dato a Marco Carrera, il protagonista del romanzo. E nessun altro nome poteva descrivere appieno il personaggio: negli anni dell´adolescenza visibilmente più piccolo dei suoi coeteanei, ma soprattutto tenace e , in quella che può apparire immobilità, una straordinaria resistenza di fronte ai terribili dolori e alle vicissitudini che la vita gli propone.

Tra le pagine del libro scorre tutta la vita di Marco, in un intreccio sapiente di dettagli, personaggi, racconti: la Firenze borghese degli anni `70 fa da sfondo alla vita di un giovane e della sua famiglia, una facciata apparentemente normale e forse felice ,che nasconde incomprensioni e malumori.

Marco e il rapporto con i genitori, cosi diversi l´uno dall’altro sia caratterialmente che nell’affrontare l’incedere della vecchiaia e la malattia.

Marco e le donne che circondano la vita: madre, sorella, amica, moglie, figlia e nipote che , come per una incredibile coincidenza si trovano a frequentare lo psicanalista, generando in lui una disaffezione per questa figura professionale.

Marco e il rapporto incrinato con il fratello, che si ricucirà solo dopo anni di silenzi e lontananza.

Marco e l´eredità di una famiglia da raccogliere, da sistemare, perché ne venga rispettata e perché non ne vada persa nemmeno una pagina, come quelle della collezione di libri Urania del padre, cosi preziosa.

Marco e il gioco d´azzardo, che da spada pericolosa si trasformerà in ancora di salvezza e di rinascita di una persona nuova.

Marco e la sua nipotina, ”l’uomo nuovo”, la creatura che con il suo semplice e naturale carisma, con i suoi tratti somatici frutto di tutti i popoli del mondo, sarà la svolta di tutta l´esistenza , fino al passo finale.

Recensione

Marco è un personaggio apparentemente normale, come tanti, un professionista di successo, ma quello che fa la differenza è il suo mondo interiore, il suo essere colibrì, il suo “stare fermo”, in un mondo fatto di continui cambiamenti e movimenti.

Bellissima la riflessione in cui, in una lettera all’amica di sempre, spiega il significato dell´immobilità, delle ragioni che la giustificano e del fatto, che in un contesto come quello moderno, che conosce solo il cambiamento, chi rimane immobile viene tacciato di vigliaccheria.

E una vita vissuta in questo modo, non poteva che concludersi proprio come Marco ha scelto.

80%
Commovente

Il colibrì

Consigliato a chi ha ancora voglia di emozionarsi leggendo un libro.

  • Voto redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Se non sei d'accordo, potresti decidere di lasciare il sito. Accetta Leggi altro