“Il diario del vampiro” – Lisa Jane Smith

^

Voto redazione

4 stelle

Data di pubblicazione

7 Ott, 2021
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Avete visto la serie tv “The Vampire Diaries”? Bene, dimenticate tutto e ricominciate da capo.

“Il diario del vampiro: il risveglio, la lotta, la furia, la messa nera” è una serie di libri urban fantasy scritti da Lisa Jane Smith, la cui prima tetralogia è stata composta tra il 1991 e il 1992. I libri sono composti rispettivamente da 22, 204, 222 e 236 pagine.

Trama de Il diario del vampiro

Elena Gilbert è la reginetta della scuola, desiderata da tutti i ragazzi e invidiata da tutte le ragazze. Ha due grandi amiche, Meredith e Bonnie, e un ragazzo dolce che la adora, Matt. Dopo le vacanze estive ha capito di non amarlo e ha deciso di lasciarlo. Appena torna a scuola punta subito gli occhi sul nuovo arrivato, Stefan, l’unico ragazzo che a quanto pare non è interessato a lei, e questo non fa altro che intestardirla nel volerlo avere.

Ma Stefan non è un ragazzo qualunque. All’inizio tenta di stare alla larga da Elena, che gli ricorda il suo primo grande amore, ma non può far altro che innamorarsi di questa ragazza che solo esteticamente assomiglia a Katherine e non certamente nel carattere. Così la fa entrare nel suo mondo, un mondo dove ci sono streghe, vampiri, licantropi e dove non tutto è ciò che sembra…

Recensione. Attenzione, spoiler!!!:

Ero ansiosa di leggere questa saga essendomene innamorata anni fa guardando la serie tv, ma ho scoperto che in realtà i creatori della serie si sono mooooolto liberamente ispirati ai libri, in quanto l’unica cosa che combacia sono i nomi dei personaggi. Aspetti fisici completamente diversi, personaggi che nel libro non ci sono e nel telefilm sì e viceversa, TRAMA totalmente diversa. Solitamente, quando si comparano libro e film, si parla delle differenze, ma qua farei prima a dire cosa è rimasto uguale: vampirismo dei fratelli Salvatore, vampirismo di Elena a causa di annegamento, licantropia di Tyler, magia di Bonnie. Stop.

Nel telefilm Elena ha un fratello, Jeremy, di tre/quattro anni meno di lei, nel libro ha una sorellina di quattro anni. Nel telefilm le sue due migliori amiche sono Bonnie e Caroline, nel libro Caroline si mette in competizione con lei ed è Meredith l’altra sua migliore amica (nel telefilm non esiste). Katherine compare alla fine del terzo libro per uccidere Stefan, Damon ed Elena, ma muore dopo qualche capitolo uccisa da Elena (what?). Nel telefilm muore molto dopo, oltre ad essere la doppelganger di Elena (nel telefilm sono identiche, nel libro sono molto simili). Elena nel telefilm è una ragazza molto dolce e tranquilla, nel libro invece, soprattutto nei primi capitoli, è una ragazzina viziata idolatrata da tutti.

Queste sono alcune delle differenze principali, ma al di là di questo è proprio la storia ad essere diversa, sembra di leggere un libro che – a parte i nomi dei personaggi e il titolo – non ha molte somiglianze con la serie tv.

Comunque lo consiglio. E’ una lettura molto piacevole, si fa leggere facilmente. Può piacere sia a chi già legge e piacciono gli urban fantasy e gli young adult, sia a chi vuole avvicinarsi a questo genere, o semplicemente a chi vuole distrarsi con una lettura leggera.

Vanessa Mele

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Già da piccola desideravo più di ogni altra cosa imparare a leggere, spinta anche da mia madre, e da quando ho imparato non ho più smesso di leggere: per me significa sognare, volare, immergermi in storie che mi portano ovunque anche se fisicamente rimango ferma, mi aprono mondi che a volte mai avrei pensato di trovare. Mi piace anche guardare serie tv, e se devo vederne una tratta da un libro, preferisco sempre prima leggere la storia e solo successivamente guardarla sullo schermo.

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Tolstoj” – Pietro Citati

“Tolstoj” – Pietro Citati

“Tolstoj” è la monografia con cui il critico letterario Pietro Citati vinse il Premio Strega nel 1984 con Longanesi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *