“Il ribelle” – Carlo Cassola

^
^

Voto redazione

Data di pubblicazione

21 Set, 2020
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Il ribelle” è uno degli ultimi romanzi di Carlo Cassola. Pubblicato dalla Rizzoli nel 1980, fu definito romanzo storico allora e ridefinito romanzo antimilitarista in seguito. A me è sembrata un’allegoria.


Trama de Il ribelle

Carlo Cassola si è inventato un certo Severiano, santo “per un equivoco”, che nella Roma del quarto secolo d.C. aderisce con convinzione al Cristianesimo e poi ne critica le contraddizioni.

Uno dei temi verso cui lo spinge la vita vissuta è la dicotomia tra l’amore spirituale e l’amore fisico, che si traduce anche nelle riflessioni sulla convivenza tra potere temporale e potere spirituale della Chiesa.

Severiano fa lo scrittore e in quel periodo fare lo scrittore significa impegnarsi politicamente. Del Cristianesimo sposa la parità dei diritti ma alla fine ne critica la degenerazione, ponendosi come un’apostata. “Nell’ultimo opuscolo arrivò a scrivere che, se Gesù fosse tornato al mondo, potere civile e potere ecclesiastico si sarebbero trovati d’accordo per farlo morire”. Il suo è un percorso applicabile a molti Sistemi, perché inizia con la fascinazione di un ideale e prosegue con la constatazione, mano a mano che ci si avvicina, che la purezza di questo ideale viene contaminata da ambizione, debolezze e calcolo.

Recensione

Ho letto con perplessità questo libro, a cui sono arrivata per una challenge che sfidava a trovarne uno pubbicato nel proprio anno di nascita. Da adolescente mi era rimasto un buon ricordo de “La ragazza di Bube” (Premio Strega 1960) e quindi mi sono detta: riprendiamo anche Cassola.

Il risultato è stato un grande punto interrogativo.

Inizio proponendovi la quarta di copertina.

Le ragioni ideologiche che hanno spinto Cassola a scegliere questo periodo per ambientarvi una sua storia interessano poco il lettore comune, che si fa prendere soprattutto dai valori letterari”.

Avete presente quando ai bambini viene detto “Sei troppo piccolo per capire?”. Ecco. Allora, dopo questo preambolo e quasi disturbata dai dialoghi artificiosi e dalla sensazione che questo romanzo ambisse di dire qualcosa di nascosto senza dirla veramente, mi sono messa a frugare nella vita di Carletto.

D’altronde si poteva chiamare scismatico chi era sempre stato rispettoso del dogma? Severiano era un ribelle per costituzione, un indisciplinato per natura… (…) insofferente di ogni forma di disciplina.”

Ero mossa dal sospetto che l’interesse nascosto nel romanzo “Il ribelle” fosse poco legato alla lotta tra i sistemi e più volto a discutere sulla purezza dei sentimenti, sul disinteresse e sulla venialità. Ho immaginato un conflitto con la società letteraria del tempo.

Il sedicente nuovo mondo aveva conservato le brutture del vecchio mondo, aggiungendovi le proprie: l’intolleranza e lo spirito di diffamazione.”

Ho rinfrescato il suo passato antifascista e ho scoperto che “Il ribelle” è definito da qualche parte romanzo politico, da qualche altra parte romanzo antimilitarista e che sulla Treccani on line non è nemmeno citato. Ho scoperto che per le sue scelte stilistiche Pasolini accusò Cassola di tradimento nei confronti della poetica neorealista e che per  il suo successo commerciale dallo Strega in poi, la neoavanguardia lo tacciò di essere la nuova “Liala del ’63”. Mi sono detta: eccolo qua, l’Apostata, quello che senza dichiararlo scivola via dalla sua religione. Quello che ha cercato la purezza tornando alla sua poetica originaria, intimista, volta anche alla perlustrazione dei sentimenti. Eccolo qua, il ribelle.

Anche sotto questa luce, comunque, il romanzo mi è piaciuto poco lo stesso.

[bs-white-space]

Cristina Mosca

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

moglie, mamma e lettrice bulimica. a 10 anni scrivevo i miei primi racconti. a 14 ho scelto di insegnare inglese. adesso faccio entrambe le cose. credo in quello che non si vede a occhio nudo. tra le mie pubblicazioni: "chissà se verrà alla mia festa" (schena 2005), "e donne infreddolite negli scialli" (schena 2008), "loro non mi vedono" (ianieri 2014), "con la pelle ascolto" (ianieri, 2018). mi piace scrivere in lettere minuscole.

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” è il secondo libro di Wilbur Smith appartenente al ciclo dei Romanzi egizi. Scritto nel 1995, è arrivato in Italia tramite Longanesi (collana Tea).

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.