“Il veliero sul tetto” – Paolo Rumiz

^

Voto redazione

4 stelle

Data di pubblicazione

10 Nov, 2020
il-veliero-sul-tetto-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Connessione con l'aldilà

Un libro di Aversano M. Lolita

Con “Il veliero sul tetto” Paolo Rumiz ci riporta indietro solo di qualche mese. Si tratta di un diario – dal 12 marzo al 30 aprile 2020 – in un tempo dilatato in cui abbiamo vissuto sensazioni che crediamo dimenticate ma che molto probabilmente ritroveremo tra queste pagine.

Trama de Il veliero sul tetto

Il tetto di casa, diventato il veliero del titolo, permette al giornalista di spaziare con occhi disincantati non solo verso il golfo della sua Trieste, ma di allontanarsi con l’immaginazione ben più lontano.

“Che colpo di fortuna. Ho scoperto di avere un veliero per uscire quando voglio, in barba alla quarantena”.

Quindi da un lato è un viaggio intimo, in cui includere affetti personali e lontani; dall’altro gli aggiornamenti che avvengono tramite le comunicazioni della radio, le telefonate, le email lo tengono in continua connessione con ciò che succede nel mondo.

Recensione

Ci sono riflessioni che hanno le tematiche più svariate: si passa dalla poesia alla preghiera, dal ruolo dei singoli cittadini al sogno mai tramontato e più necessario che mai di un’Europa unita.

Non manca ciò che ognuno di noi ha sperimentato: l’organizzazione degli spazi a disposizione oppure quella dei tempi in giornate che parevano tutte uguali.

Rumiz coglie e ci mostra l’opportunità che questo periodo ha offerto: la speranza che quella vecchia “normalità” tossica e devastante lasciasse spazio ad un nuovo modo di vivere, di relazionarsi. Le stesse domande che l’autore rivolge a se stesso su quel “dopo” che è diventato il nostro presente fanno bene a tutti.

Loretta Casagrande

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Questo periodo della vita mi sta regalando una delle ricchezze più importanti: il tempo. Tempo da utilizzare anche tra parole da leggere e da scrivere. Tra i libri che mi instillano dubbi provvidenziali, si frantumano certezze inutili.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + quindici =