“La forma del buio” – Mirko Zilahy

^

Categorie

^

Voto redazione

3,5 stelle

Data di pubblicazione

6 Set, 2021
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

“La forma del buio” di Mirko Zilahy mi è piaciuto più di “E’ così che si uccide“.

“La forma del buio” è il secondo romanzo scritto da Mirko Zilahy. Pubblicato nel 2017 da Longanesi, è composto da 407 pagine ed appartenente al genere thriller.

Trama de La forma del buio

Enrico Mancini viene richiamato in servizio in quanto c’è stato un omicidio molto particolare. A Galleria Borghese sono stati ritrovati tre cadaveri che, dopo l’omicidio, il killer ha disposto in modo da ricreare una scultura.

Gli omicidi si susseguono uno dopo l’altro e Mancini, con l’aiuto della sua squadra, deve cercare di fermare l’assassino – che adesso chiamano “lo Scultore” – prima che uccida ancora.

Recensione. *ATTENZIONE, SPOILER!*

Continuo a non essere una fan del protagonista, ma non ho nulla da ridire sulla trama. Molto ben costruita, con colpi di scena e che ti tiene incollata alle pagine, cercando di capire quale potrebbe essere il prossimo “mostro” che l’assassino deciderà di uccidere e riprodurre.

Solo un piccolo appunto: alla fine il libro spiega perché il ragazzo sia stato abbandonato, ma non precisa quale fosse la malattia o patologia di cui soffriva. Mi sarebbe piaciuto che l’autore avesse speso qualche parola in più sulla storia del ragazzo prima degli eventi che l’avrebbero portato a vivere in convento.

Per il resto, io adoro i thriller dove ci sono i serial killer (non a caso, una delle mie serie preferite è Criminal Minds, e il protagonista è un profiler) e “La forma del buio” mi è piaciuto.

Consigliato agli amanti dei thriller, che non devono necessariamente aver letto il precedente in quanto è solo un po’ la storia di Mancini che manca, ma il caso è a se stante.

Vanessa Mele

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Già da piccola desideravo più di ogni altra cosa imparare a leggere, spinta anche da mia madre, e da quando ho imparato non ho più smesso di leggere: per me significa sognare, volare, immergermi in storie che mi portano ovunque anche se fisicamente rimango ferma, mi aprono mondi che a volte mai avrei pensato di trovare. Mi piace anche guardare serie tv, e se devo vederne una tratta da un libro, preferisco sempre prima leggere la storia e solo successivamente guardarla sullo schermo.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *