Amanti dei libri è una community, una famiglia gestita da appassionati di lettura e scrittura e destinata, appunto, agli amanti dei libri! Entra a farne parte anche tu!

“Libera nos a Malo” – Luigi Meneghello

Quante volte ho riletto questo libro? Tutte quelle in cui ho voluto sorridere, immergermi in un mondo passato, rintracciare parole del dialetto veneto ormai introvabili: il tutto inserito in uno stile letterario irreprensibile.

copertina libera nos a maloL’ironia di Meneghello inizia già nel titolo dove quell’ablativo latino ” a malo” non si riferisce alle parole del Padre Nostro, ma proprio al  paese, Malo, in provincia di Vicenza. Il periodo è quello dell’infanzia e dell’adolescenza dello scrittore (nato tra le due guerre), con qualche salto in avanti ogni tanto, quando, da adulto, ritorna al luogo natio.

E’ tutt’altro che un libro “vecchio”: lo considero un classico senza tempo, anzi moderno è lo sguardo che analizza la vita di quei tempi.
Secondo le note biografiche, solo dopo essersi stabilito in Inghilterra, Meneghello è riuscito ad osservare con il giusto distacco e con  spirito critico quel mondo e così ha lasciato, a noi fortunati lettori, delle immagini uniche che hanno caratterizzato quel periodo.

“Libera nos a Malo” non si può riassumere: la storia dell’autore non segue un ordine cronologico;  la si ricostruisce con la lettura dei fatti, con la descrizione dei personaggi, con i rituali che segnavano la quotidianità.

C’è tanto dentro: la nostalgia disincantata per una lingua che è stata viva, efficace e che ora è andata perduta ormai in modo irrimediabile, la descrizione  di un mondo dove la chiesa dettava condizioni su ogni azione umana, l’interpretazione fantasiosa e spassosa che dei precetti e delle formule latine sapevano farne i più piccoli, i rapporti tra coetanei dove la lotta era una cosa fisiologica, salutare. E c’è molto molto altro, raccontato con vera maestria, con la padronanza della lingua italiana che hanno i grandi scrittori.

Loretta

100%
Consigliato

Libera nos a malo

CONSIGLIATO: a tutti, ma soprattutto  alle persone che hanno conosciuto, amato il dialetto veneto.  

  • Voto redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Se non sei d'accordo, potresti decidere di lasciare il sito. Accetta Leggi altro