“Applausi a scena vuota” – David Grossman

^

Categorie

^

Voto redazione

Data di pubblicazione

18 Apr, 2019
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

David Grossman e l’umorismo ebraico

Man Booker International Prize 2017, David Grossman ha pensato per 24 anni “A Horse Walks into a Bar”, tradotto in italiano con “Applausi a scena vuota” e pubblicato nel 2015 in Italia. Dello stesso autore abbiamo pubblicato “Che tu sia per me il coltello“.

Ok, mio padre mi dice di non camminare sulle mani e io non lo faccio. Ma poi penso: e adesso? Come mi salvo? Capite? Come faccio a non morire se sto dritto?

Copertina "Applausi a scena vuota"

 

La trama di Applausi a scena vuota

Dova’le rintraccia un suo amico dopo quarant’anni che non si vedono. Vieni a vedere il mio spettacolo, gli dice, e dammi un’opinione. Il suo amico, che è il narratore di questa storia, ci va e scopre che lo spettacolo è un’esibizione di cabaret che sfiora il grottesco: dire barzellette non necessariamente coincide con l’avere senso dell’umorismo.

La serata prende una piega inaspettata. Il cabarettista Dova’le inizia a raccontare di quando la sua vita è cambiata per sempre, a quattordici anni, e il suo amico scopre di essere stato testimone inconsapevole di quel momento. Se si fosse interessato appena di più, si chiede, che vite avrebbero avuto? Quante vite parallele viviamo già?

 

Il punto

Partito da una storia tragica – un bambino mandato in fretta a un funerale senza sapere se fosse del padre o della madre – David Grossman è approdato a una ambientazione opposta: una commedia comica. Come gli spettatori, anche il lettore si trova bloccato, quasi soffocato da una narrazione fiume, priva di divisione in capitoli per 180 pagine, in cui la stretta viene aumentata dall’alternanza del discorso diretto e indiretto libero. È un caso eccellente dello “show, don’t tell”: non solo sappiamo, tramite le reazioni degli spettatori, che l’atmosfera si sta facendo pesante perché lo spettacolo di cabaret sta riuscendo male, ma viviamo l’imbarazzo sulla nostra pelle e vorremmo avere la libertà di pagare alla cassa e andarcene. Allo stesso tempo, restiamo inchiodati alla storia perché dobbiamo vedere come prosegue.

In risalto è la forza salvifica dell’umorismo ebraico, “più ironico e più adatto per approcciarti a una situazione paralizzante e non esserne vittima”, come David Grossman ha spiegato in un’intervista a “Vintage Books”. Il titolo originale si rifà infatti a un classico della barzelletta, la barzelletta per eccellenza, tanto emblematica che nel libro non viene nemmeno raccontata. Ci si concentra sulla potenza unica del joke, come potente argomento di conversazione anche quando non si ha nulla da dire.

Un lavoro piuttosto complesso, tanto che è stata impiegata una squadra di quindici traduttori per rendere le sfumature dall’ebraico.

Comunque, per inciso: un cavallo entra in un bar e chiede un caffè; gli fanno pagare doppio e quando il barman gli dice “Sa, non vediamo molti cavalli qui intorno”, lui gli risponde “Con questi prezzi non mi sorprende”.

[bs-white-space]

Cristina Mosca

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

moglie, mamma e lettrice bulimica. a 10 anni scrivevo i miei primi racconti. a 14 ho scelto di insegnare inglese. adesso faccio entrambe le cose. credo in quello che non si vede a occhio nudo. tra le mie pubblicazioni: "chissà se verrà alla mia festa" (schena 2005), "e donne infreddolite negli scialli" (schena 2008), "loro non mi vedono" (ianieri 2014), "con la pelle ascolto" (ianieri, 2018). mi piace scrivere in lettere minuscole.

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” è il secondo libro di Wilbur Smith appartenente al ciclo dei Romanzi egizi. Scritto nel 1995, è arrivato in Italia tramite Longanesi (collana Tea).

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.