“Il gatto in noi” – William S. Burroughs

^

Categorie

^

Voto redazione

Data di pubblicazione

7 Apr, 2019
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Frugando tra gli scaffali

Ci sono libri che trovi senza nemmeno sapere che li stavi cercando. Anzi, sono loro che trovano te.
Frughi tra gli scaffali di una libreria che pratica il metà prezzo. Vuoi qualcosa di goloso. Che ti sorprenda. Che ti faccia tornare a casa soddisfatto per l’acquisto, fosse anche l’unico.
E lo vedi.
S’intitola Il gatto in noi.

Copertina del libro "Il gatto in noi"

 

L’amore per i gatti

Ti colpisce per due motivi.
Il primo è che tu i gatti li adori. Anzi, li veneri. Probabilmente sei la duecentosessantesima reincarnazione successiva di un egiziano. A scelta.
Il secondo è che l’ha scritto William S. Burroughs. Quello che ha scritto Pasto nudo e La scimmia sulla schiena. Due libri che hai provato a leggere senza riuscirci (i panegirici delle droghe non rientrano nel novero delle tue letture preferite). Chi conosce le sue opere potrebbe rimanere sorpreso da questo incondizionato atto d’amore nei confronti dei gatti.

Sfogli qualche pagina. E ti innamori di questa frase: «Il gatto non offre servigi. Il gatto offre se stesso. Naturalmente vuole cura e un tetto. Non si compra l’amore con niente. Come tutte le creature pure, i gatti sono pratici».
Ma il colpo di grazia te lo infligge l’ultimo passo del libro, scritto in corsivo:

«Noi siamo il gatto che è in noi. Siamo i gatti che non possono camminare da soli, e per noi c’è un posto soltanto».

Anche tu hai trovato il tuo posto.
Vai alla cassa e paghi.
Purrrrrrrrr.

William S. Burroughs, Il gatto in noi, Milano, Adelphi, 1995.

Enrico Cantino

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Enrico Cantino dovrebbe aver superato la cinquantina, ma non ne è sicuro nemmeno lui. Ha una laurea in materie letterarie, un blog su Tumblr e svariate passioni: i gatti, la scrittura, la lettura, i cartoni animati (giapponesi, in particolare), i "filmacci" come li chiama lui (horror, azione, demenziale, fantascienza, ecc. ma non disdegna qualche pellicola "seria"). Ha pubblicato con Mimesis, casa editrice di Sesto San Giovanni, sei libretti sulle serie animate nipponiche suddivise per generi: robottoni, eroine, guerrieri, sport di squadra, maghette, rapporti di coppia. Può darsi riesca anche a pubblicare qualcos'altro. Adesso vede.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.