Ripensamenti

^

Categorie

Data di pubblicazione

29 Mag, 2019
uomo stilizzato che sembra avere ripensamenti
7

Scorri fino al contenuto...

Salutandoti dicevo
ora te ne vai
non ritornerai
-Michele Pecora

Ripensamenti

– Che fai.
– Prova a dire.
– Non so.
– Lo vedi.
– Che cosa.
– Sei sempre stato privo di immaginazione, di fantasia.
– Non è una risposta.
– Per te. Per me sì.
– Va bene. Mi dici cosa fai.
– Me ne vado.
– E dove.
– Da mia madre.
– Da tua madre.
– Sì. Da mia madre.
– Ma non era morta.
– Mia madre.
– Sì. Tua madre.
– Mia madre è viva.
– Viva.
– Sì. Viva. Cosa ti salta in mente.
– Eh ma non ne parli mai. Ho pensato fosse morta. O qualcosa del genere.
– Invece no.
– Va bene. Tua madre è viva. E stai andando da lei.
– Mia madre è viva. E sto andando da lei.
– Perché.
– Perché cosa.
– Perché stai andando da lei.
– Perché non ce la faccio più.
– A far che.
– A stare qui.
– Mi aspettavo di più.
– Che cosa ti aspettavi.
– Che ne so. Qualcosa di originale. Di diverso. Di clamoroso.
– Ti dovrai accontentare.
– Lo faccio sempre.
– Che cosa.
– Accontentarmi.
– Mia madre aveva ragione.
– Su cosa.
– Su di te.
– E cosa diceva di me.
– Che non andavi bene.
– Non me l’hai mai detto.

– Eh lo so. Mi sono sempre dimenticata.
– Non originale nemmeno questo. Poi quello senza fantasia sono io.
– Come sei Cinico.
– Pure.
– Forse avresti dovuto ascoltarla.
– Chi.
– Tua madre.
– È tutto quello che sai dire.
– Non mi viene in mente altro.
– Ma stai dicendo sul serio.
– Sto dicendo sul serio. Magari ha ragione lei. È una possibilità.
– Non ci credo.
– A cosa.
– Lasciamo stare.
– Va bene.
– Facciamo una bella cosa.
– Quale.
– Resto.
– Resti.
– Sì, sì. Resto.
– Non parti più.
– Non parto più.
– Resti.
– Ho concluso che è meglio così.
– Va bene.
– E perché.
– Perché vado via io.

 

Enrico Cantino

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Enrico Cantino dovrebbe aver superato la cinquantina, ma non ne è sicuro nemmeno lui. Ha una laurea in materie letterarie, un blog su Tumblr e svariate passioni: i gatti, la scrittura, la lettura, i cartoni animati (giapponesi, in particolare), i "filmacci" come li chiama lui (horror, azione, demenziale, fantascienza, ecc. ma non disdegna qualche pellicola "seria"). Ha pubblicato con Mimesis, casa editrice di Sesto San Giovanni, sei libretti sulle serie animate nipponiche suddivise per generi: robottoni, eroine, guerrieri, sport di squadra, maghette, rapporti di coppia. Può darsi riesca anche a pubblicare qualcos'altro. Adesso vede.

Altri contenuti che potrebbero piacerti…

La nicchia di vicolo del Pozzo

La nicchia di vicolo del Pozzo

Effettivamente i motivi c’erano se Carlo aveva oltrepassato il locale senza aver riconosciuto ciò che faceva mostra di sé dietro i vetri

“Una tazzina di caffè”

“Una tazzina di caffè”

Veniva naturale conversare con l’Adele, magari davanti a una tazzina di caffé. Un nuovo racconto di Loretta Casagrande

“L’ape ballerina”

“L’ape ballerina”

“L’ape ballerina” è una poesia che la nostra lettrice Giorgia ci ha inviato per riflettere sulla bellezza della vita.

Smantellamento

Smantellamento

In questo racconto di Loretta Casagrande troviamo tutti gli effetti della… positività, tra cui un necessario smantellamento.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.