“Sulle spalle dei giganti” – Umberto Eco

^

Categorie

^

Voto redazione

5 stelle

Data di pubblicazione

14 Nov, 2021
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

“Sulle spalle dei Giganti” è l’espressione attribuita a Bernardo di Chartes, filosofo francese vissuto nel XII secolo, che il grande Umberto Eco, una delle figure più importanti del panorama culturale italiano e non solo, prende in prestito per il titolo di una pubblicazione uscita postuma nel 2018 per i tipi de La nave di Teseo.

Trama de Sulle spalle dei giganti

Il saggio raccoglie dodici testi scritti dal noto semiologo negli anni 2001 – 2015 per il festival ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi, la Milanesiana, dove venivano letti dallo stesso Eco in forma di lectio magistralis. Ogni lectio è accompagnata da alcune immagini, principalmente opere d’arte che vengono citate nel testo e ne agevolano la comprensione.

Il primo saggio, del 2001, dal titolo “Sulle spalle dei giganti”, funge da premessa e da substrato per tutte le successive lezioni (in totale 12). Qui l’autore riflette sul rapporto tra gli antichi e i moderni, tra tradizione e innovazione, sulla possibilità di scrutare il mondo, vedere come è fatto, scoprire cose nuove.

Questo è possibile solo ed esclusivamente rimanendo ben piazzati sulle spalle forti e robuste dei Giganti (gli antichi), proprio come fa un bambino che, mosso da frizzantissima curiosità, sulle spalle del proprio padre si gode un concerto o uno spettacolo che non avrebbe potuto vedere rimanendo coi piedi in terra, poiché ancora troppo basso.

Ugualmente avviene per i moderni e gli antichi, legati pressoché dallo stesso legame di “parentela”: gli uni figli degli altri. La poca “altezza” dei moderni, oltre a negare ogni possibilità di godimento di ciò che v’è “oltre la siepe”, rischierebbe di farli soffocare. Il vero “ossigeno”, anelito per la conoscenza, si respira solo da lassù.

Recensione

È bene sottolineare come la riflessione di Eco non sia affatto assiomatica, ma aperta e problematica. D’altronde, come sosteneva Cartesio: «Il dubbio è l’inizio della conoscenza».

Una sterile laudatio temporis acti, infatti, sarebbe stata improficua ed estremamente retorica. Questo modus cogitandi è da estendersi per tutte le altre lezioni del professore. Tra i tanti argomenti proposti troviamo anche il concetto di bellezza e di bruttezza, e la dicotomia che da sempre rappresenta un oggetto di speculazione prediletto per quasi ogni filosofia: l’idea di assoluto e di relativo.

Particolare curiosità mi ha suscitato l’opera in copertina. Si tratta di un’incisione di William Blake conservata al “Tate” di Londra. Qui viene raffigurato il celebre fisico e matematico Isaac Newton che, nudo, è intento a disegnare con un compasso.

Ho trovato la lettura di questo volume un interessantissimo agglomerato di arte, filosofia, letteratura e sociologia, in pieno stile Umberto Eco d’altronde.

“Sulle spalle dei giganti” è un’affascinante lente di ingrandimento, utile per la comprensione reale del mondo che ci circonda. Qui, «forse nell’ombra già si aggirano giganti, che ancora ignoriamo, pronti a sedere sulle spalle di noi nani.»

Antonello Pilato

Amanti dei libri

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Amanti dei libri è una community, una famiglia gestita da appassionati di lettura e scrittura e destinata, appunto, agli amanti dei libri! A nome di questo profilo vengono infatti pubblicati la maggior parte dei contenuti realizzati dai membri della nostra community. Ti piace questa iniziativa? Entra a farne parte anche tu!

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Tre” – Valérie Perrin

“Tre” – Valérie Perrin

“Tre” di Valérie Perrin (E/o 2021) racchiude nel titolo una sofisticata complessità di rimandi che vi lasciamo scoprire nel romanzo.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *