“The game” – Alessandro Baricco

^

Categorie

^

Voto redazione

5 stelle

Data di pubblicazione

24 Mar, 2019
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

La recensione del romanzo The game di Alessandro Baricco è stata scritta da Adele Landi, membro della community di Amanti dei libri. Libro pubblicato nel 2018, quindi molto attuale, che si concentra sul tema della rivoluzione digitale. Dello stesso autore abbiamo pubblicato “Novecento“.


Copertina di The Game

Trama del romanzo The game

Alessandro Baricco ci offre un analitico saggio del nostro tempo, ci illustra come Internet prima e i social network dopo, abbiano cambiato radicalmente il nostro approccio al quotidiano: tutto è diventato semplice, alla portata di tutti con un touch.

Lo scetticismo, che evidentemente non condividiamo con i millennial, ci porta a credere di essere schiavi degli smartphone, intrappolati in un gioco da cui veniamo sopraffatti: quante volte l’abbiamo pensata in questi termini, rimpiangendo gli incontri faccia a faccia con un amico, condannando i bambini che, invece, di prendere a calci un pallone, sembrano ipnotizzati da uno schermo.

Ci dimentichiamo così delle potenzialità di questo mezzo, che forse ancora non abbiamo compreso del tutto: ci rende liberi come mai prima d’ora.

 

Recensione di The game

Ineccepibile nella sua analisi, Baricco stravolge la prospettiva negativa che molti hanno del web, quantomeno impedisce di non considerare la possibilità che ci sia qualcosa di bello: si può rimanere di un’idea diversa dalla sua, ma non si può più negare che ci siano aspetti positivi, stimolanti nella questione.

Sembra di averlo vicino mentre racconta aneddoti della sua ricerca, riesce a instillare nel lettore gli stessi dubbi che lo hanno spinto a svolgere la sua indagine, si prova la stessa curiosità che ha spinto l’autore a scavare per riportare alla luce le radici di un mutamento così radicale nel nostro stile di vita.

In questo viaggio che attraversa gli ultimi decenni si ritrovano tracce di un passato non così lontano, ma già dimenticato, si ritrovano tracce di noi stessi, quelli che eravamo qualche decennio fa e quello che siamo diventati oggi.

Adelaide Landi

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Mi piace leggere sin da quando ero bambina, nei ricordi più belli della mia infanzia ci sono libri con copertine colorate: Heidi è stato ovviamente il primo, poi Piccole donne e tutti i seguiti (di cui ricordo poco, i seguiti di un capolavoro deludono sempre), Il giardino segreto. La penna mi ha sempre chiamato almeno quanto i libri, ma non me ne sono accorta finché per caso o semplicemente perché era giunto il momento che io lo capissi, mi è stato chiaro che adoro scrivere almeno quanto adoro leggere. Mi piacciono i romanzi storici, penso che capire quello che è stato aiuti a comprendere quello che è. Scelgo un libro da leggere se penso che la sinossi stia cercando di dirmi qualcosa, in ogni libro c'è un messaggio che spera di raggiungere al più presto i suoi destinatari.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.