“Un esperimento d’amore” – Hilary Mantel

^
^

Voto redazione

5 stelle

Data di pubblicazione

25 Mag, 2021
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

“Un esperimento d’amore” è il nuovo romanzo della scrittrice inglese Hilary Mantel, pubblicato da Fazi all’inizio di maggio. Hilary Mantel è autrice di molti romanzi di successo, tra i quali spicca la trilogia sui Tudor.

Ringraziamo la casa editrice per la copia digitale in omaggio.

Trama di Un esperimento d’amore

Carmel è una bambina inglese, la sua è una famiglia cattolica, estremamente conservatrice, come quella di Karina, sua vicina di casa. Le due sono amiche fin dall’asilo, ma il rapporto non idilliaco tra le due si incrina irrimediabilmente quando entrambe presentano domanda di ammissione presso l’istituto cattolico della città. Le diversità tra le due ragazze emergono sempre più, gli studi aprono gli occhi e la mente di Carmel che impara a rapportarsi in maniera sincera innanzitutto con sé stessa. Alla fine sarà un triste episodio a riavvicinare le due amiche e ad aprire ancor di più gli occhi a Carmel.

“A otto anni- e forse fu questo ad attrarci l’una verso l’altra- aveva una spiccata indifferenza verso l’opinione pubblica”

Recensione

Il romanzo è un crescendo di scoperte, quelle di Carmel, narratrice che ci guida dalla sua infanzia alla sua maturità, nell’Inghilterra degli anni sessanta, con lucidità e chiarezza. Ne viene fuori un diario in cui le sue scoperte sono le nostre, un diario in cui gioiamo delle sue conquiste come fossero le nostre.

La scrittura è fluida, trascinante, pulita. Protagonista insieme a Carmel, è il suo rapporto con Karina, rapporto che, come lei, non riusciamo a comprendere, facciamo fatica a tollerare questa presenza così asfissiante nella sua vita. L’autrice è bravissima a svelare questo mistero poco alla volta, a gettarci briciole di Karina accanto ai passi via via più sicuri di Carmel.

Ho trovato un pò calante il ritmo nella seconda parte: non vedevo l’ora che Carmel sbocciasse e quando questo finalmente accade ho sentito un pò di magia perdersi, nella parte finale il romanzo mi ha lasciata, però, a bocca aperta.

L’autrice si dimostra una penna davvero eccelsa: troviamo in questo romanzo descrizioni bellissime di un righello, di una carta da parati, come dei volti che Carmel incontra nel suo cammino, troviamo la conferma che esiste bellezza in ogni cosa, in ogni individuo, basta solo saper posare lo sguardo nel modo giusto.

“I righelli odorano di legno e di vernice, del sale e della carne della mano che li scalda: mettendoli sotto il naso, si sente ogni tacca divisoria e ogni frazione di centimetro con il suo segmento misurato di odore.”

Consigliato a chi vuole approfondire il tema dell’emancipazione femminile

Adelaide Landi

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Mi piace leggere sin da quando ero bambina, nei ricordi più belli della mia infanzia ci sono libri con copertine colorate: Heidi è stato ovviamente il primo, poi Piccole donne e tutti i seguiti (di cui ricordo poco, i seguiti di un capolavoro deludono sempre), Il giardino segreto. La penna mi ha sempre chiamato almeno quanto i libri, ma non me ne sono accorta finché per caso o semplicemente perché era giunto il momento che io lo capissi, mi è stato chiaro che adoro scrivere almeno quanto adoro leggere. Mi piacciono i romanzi storici, penso che capire quello che è stato aiuti a comprendere quello che è. Scelgo un libro da leggere se penso che la sinossi stia cercando di dirmi qualcosa, in ogni libro c'è un messaggio che spera di raggiungere al più presto i suoi destinatari.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.