“A ciascuno il suo” – Leonardo Sciascia

^
^

Voto redazione

Data di pubblicazione

4 Ott, 2019
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Un poliziesco non poliziesco, un romanzo dal ricco linguaggio figurato, una denuncia della società e del suo immobilismo, perché i “mali del microcosmo Sicilia sono i mali di cui il mondo può morire”. In “A ciascuno il suo” Leonardo Sciascia mostra l’inesorabilità della legge del silenzio.


La trama di A ciascuno il suo

Il farmacista Manna riceve una lettera anonima minatoria.

Leggendola controluce si scopre che le parole sono ritagliate da un giornale e riportano le parole in latino “unicuique” (a ciascuno), come a voler promettere che ce ne sarà per tutti.

Dopo solo una settimana, la minaccia diventa realtà e lui e il dottor Roscio, a caccia insieme, vengono trovati uccisi. Il professor Laurana segue la sua curiosità e si mette a fare ricerche, ora colpito da una intuizione, ora da una rivelazione portata dal caso.

Recensione

copertina a ciascuno il suo 1966La cosa che più colpisce di Leonardo Sciascia è come il suo linguaggio riesca a essere rapido e allo stesso tempo tutt’altro che povero. Ci sono continue stilettate di lingua ricercata, immagini efficaci e rimandi letterari importanti: trovarmi con un’edizione Einaudi 1976, con le note per gli studenti delle scuole medie, mi ha fatto scoprire che, senza, non li avrei capiti tutti.

Vengono citati molti libri e molti autori: Montale, Pirandello, la letteratura classica, Manzoni, Dante. Viene citata la tragedia di Longarone, avvenuta solo un anno prima della narrazione (le vicende sono infatti ambientate nel 1964), come triste esempio di marcio modo di fare.

I personaggi sono diversi, ma quello che parla più forte è il personaggio del popolo. Le voci intorno a Laurana, le persone con cui parla per raccogliere informazioni sono un corpo ben solido che si esprime molto di più attraverso quello che non dice.

Lo fa fingendo di disprezzare quello che poi compra, sotterrando ciò che si fa ma che non va fatto sapere, assecondando “il gusto del proibito”. In questo contesto è difficile fidarsi di qualcuno e anche le “splendide creature” si macchiano d’ombra.

[bs-white-space]

Cristina Mosca

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

moglie, mamma e lettrice bulimica. a 10 anni scrivevo i miei primi racconti. a 14 ho scelto di insegnare inglese. adesso faccio entrambe le cose. credo in quello che non si vede a occhio nudo. tra le mie pubblicazioni: "chissà se verrà alla mia festa" (schena 2005), "e donne infreddolite negli scialli" (schena 2008), "loro non mi vedono" (ianieri 2014), "con la pelle ascolto" (ianieri, 2018). mi piace scrivere in lettere minuscole.

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” è il secondo libro di Wilbur Smith appartenente al ciclo dei Romanzi egizi. Scritto nel 1995, è arrivato in Italia tramite Longanesi (collana Tea).

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.