Analisi “La disperazione della vecchia” – Charles Baudelaire

^

Categorie

Data di pubblicazione

9 Lug, 2019
copertina poememetto in prosa di Charles Baudelaire
7

Scorri fino al contenuto...

“La disperazione della vecchia”

La disperazione della vecchia, poemetto in prosa di Charles Baudelaire che si può leggere a pagina 20 dell’edizione pubblicata da Longanesi nel 1950, offre alcune interessanti considerazioni in materia di micro-narrativa.

La vecchietta grinzosa si rallegrò nel vedere il bel bambino a cui ognuno faceva festa, a cui ognuno voleva piacere; graziosa creatura, così fragile come lei, la vecchietta, e come lei, senza denti e senza capelli.

Ella gli si accostò, voleva vezzeggiarlo e farlo sorridere.
Ma il fanciullo, spaventato, si dibatteva sotto le carezze della buona donna decrepita, ed empiva la casa di strilli.

Allora la buona vecchia si ritrasse nella sua solitudine eterna, e pianse in un angolo, dicendo tra sé: «Ah! Per noi, infelici vecchie femmine, passò l’età di piacere anche agli innocenti; e facciamo orrore ai fanciullini che si vorrebbe amare!»

 

copertina poememetto in prosa di Charles BaudelaireAnalisi del poemetto La disperazione della vecchia

Il primo ingannevole capoverso ci introduce in un’atmosfera allegra e spensierata. Lo testimonia la terminologia impiegata: si rallegrò, graziosa, festa, bel bambino. La protagonista cui si allude nel titolo viene indicata con un vezzeggiativo (vecchietta) che, unito al grinzosa, fa molta tenerezza e suscita una certa simpatia nei suoi confronti. Anche se il paragone insistito (come lei… e come lei) fra lei e il bel bambino va a suo discapito, dato che le caratteristiche tutto sommato positive nell’uno (fragile, senza denti e senza capelli) sono amaramente negative nell’altra.

Il tentativo della donna di rendere omaggio alla gioventù e alla bellezza del bambino viene frustrato dal piccolo stesso, che si ribella, dibattendosi spaventato sotto le carezze di quella che ora non è più una vecchietta grinzosa, bensì una buona donna addirittura decrepita, aggettivo che ne esagera l’età avanzata.

Nel terzo capoverso, l’iniziale atmosfera idilliaca è soltanto un ricordo. L’autore ci pone davanti la cruda realtà dei fatti. Quel buona vecchia ha un po’ il sapore della bonaria compassione che di solito si riserva a chi si ritiene inferiore. Tanto più che scopriamo essere la donna condannata a una solitudine eterna, che non è proprio cosa da niente.

 

Morale della favola

Al suo lamento è affidata l’amara “morale della favola”: le vecchie femmine (nemmeno più donne) sono tutte infelici e non piacciono più a nessuno. La vecchiaia fa orrore e spavento alla gioventù, che la respinge disgustata. La considerazione finale potrebbe anche nascondere – si fa per dire – una condanna morale: l’autore intende cioè colpire le donne che non hanno più l’età per amare ma insistono impudicamente nel tentare di circuire i giovani, rendendosi in tal modo ridicole agli occhi del mondo. Poi dicono che l’amore non ha età. Ce l’ha, ce l’ha.

[bs-white-space]

Enrico Cantino

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Enrico Cantino dovrebbe aver superato la cinquantina, ma non ne è sicuro nemmeno lui. Ha una laurea in materie letterarie, un blog su Tumblr e svariate passioni: i gatti, la scrittura, la lettura, i cartoni animati (giapponesi, in particolare), i "filmacci" come li chiama lui (horror, azione, demenziale, fantascienza, ecc. ma non disdegna qualche pellicola "seria"). Ha pubblicato con Mimesis, casa editrice di Sesto San Giovanni, sei libretti sulle serie animate nipponiche suddivise per generi: robottoni, eroine, guerrieri, sport di squadra, maghette, rapporti di coppia. Può darsi riesca anche a pubblicare qualcos'altro. Adesso vede.

Altri contenuti che potrebbero piacerti…

La questione della lingua

La questione della lingua

Dal Cinquecento è aperto un dibattito sui modelli da seguire nella lingua scrtta. Ecco perché Pietro Bembo ha avuto successo.

Si fa presto a dire “giallo”

Si fa presto a dire “giallo”

L’articolo propone una carrellata di letteratura “gialla” che va da Edgar Allan Poe a Marco Malvaldi, senza la pretesa di esaurire l’argomento.

Sei novelle di Giovanni Verga

Sei novelle di Giovanni Verga

Abbiamo ascoltato in audiolettura su youtube alcune delle novelle meno note di Giovanni Verga e ve le consigliamo.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.