Analisi di un mini-racconto di Arthur C. Clarke

^

Categorie

Data di pubblicazione

24 Giu, 2019
primo piano di Arthur C. Clarke
7

Scorri fino al contenuto...

E Dio disse: ELIMINA linee da Uno ad Aleph. CARICA. ESEGUI. E l’universo cessò di esistere.
Poi ci rifletté per alcuni eoni, sospirò, e aggiunse: CANCELLA. Non è mai esistito.

La creazione di un mondo

Un mini-racconto di Arthur C. Clarke (dove la C puntata sta per Charles) non può che appartenere
al genere fantascientifico. D’altronde parliamo dell’autore di 2001 Odissea nello spazio, anche se
molti conoscono il film di Kubrick ignorando che abbia un’origine letteraria.
Nel caso specifico, lo scrittore si confronta con un tema classico della fantascienza: la creazione di
un mondo.
I pianeti, si sa, vengono creati dagli dei. E qui si comincia proprio con Dio. L’attacco ha un evidente
sapore biblico: E Dio disse. Subito dopo, ecco lo scarto. La narrazione svolta in direzione
tecnologica. Il Verbo divino si riduce a una sequenza di comandi informatici. Elimina. Carica.
Esegui.
Il pretesto narrativo è, almeno in apparenza, un atto di distruzione, vale a dire di creazione al
contrario. Come a voler contraddire l’assunto secondo cui Dio avrebbe creato ogni cosa dal nulla.
L’universo, in ogni caso, cessa di esistere.
Non sembra, però, una decisione definitiva. Al gesto estremo segue, infatti, un interminabile
periodo di riflessione. Il tempo divino è quantificabile con i grandi numeri: si misura in termini di
eoni. E Wikipedia definisce l’eone «unità geocronologia utilizzata in geologia. È la categoria di
rango superiore tra le suddivisioni della scala dei tempi geologici; la categoria di rango
immediatamente inferiore è l’era».
Alla fine, Dio agisce. Dopo avere sospirato – quasi a voler sottolineare risolutezza o rassegnazione
– il Creatore digita il Comando Terminale. Cancella. Il che cambia le carte in tavola. L’universo, a
questo punto, non è mai esistito. E forse nemmeno noi.

La struttura del mini-racconto

Questo mini-racconto – che fra l’altro sembra non avere un titolo – si caratterizza per l’andamento
narrativo incalzante, secco ed essenziale. I pochi periodi presenti vengono assemblati secondo una
modalità per lo più paratattica: accostando, cioè, frasi aventi la medesima importanza sintattica.
Sono tutte principali. E contengono il minimo indispensabile. Non vi è traccia di subordinazione. Il
che, oltre a dare un ritmo tutto sommato meccanico alle azioni della divinità, trasmette anche
un’idea di freddezza.
Dio viene presentato, insomma, come un tecnico informatico impegnato nel suo lavoro, per il quale
non sembra provare grande passione. L’unica concessione alle emozioni, ai sentimenti, è quel
sospirò piazzato lì con simulata noncuranza.
Anche distruggere è una seccatura.

 

Enrico Cantino

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Enrico Cantino dovrebbe aver superato la cinquantina, ma non ne è sicuro nemmeno lui. Ha una laurea in materie letterarie, un blog su Tumblr e svariate passioni: i gatti, la scrittura, la lettura, i cartoni animati (giapponesi, in particolare), i "filmacci" come li chiama lui (horror, azione, demenziale, fantascienza, ecc. ma non disdegna qualche pellicola "seria"). Ha pubblicato con Mimesis, casa editrice di Sesto San Giovanni, sei libretti sulle serie animate nipponiche suddivise per generi: robottoni, eroine, guerrieri, sport di squadra, maghette, rapporti di coppia. Può darsi riesca anche a pubblicare qualcos'altro. Adesso vede.

Altri contenuti che potrebbero piacerti…

La questione della lingua

La questione della lingua

Dal Cinquecento è aperto un dibattito sui modelli da seguire nella lingua scrtta. Ecco perché Pietro Bembo ha avuto successo.

Si fa presto a dire “giallo”

Si fa presto a dire “giallo”

L’articolo propone una carrellata di letteratura “gialla” che va da Edgar Allan Poe a Marco Malvaldi, senza la pretesa di esaurire l’argomento.

Sei novelle di Giovanni Verga

Sei novelle di Giovanni Verga

Abbiamo ascoltato in audiolettura su youtube alcune delle novelle meno note di Giovanni Verga e ve le consigliamo.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.