“Gli iperborei” – Pietro Castellitto

^

Voto redazione

2 stelle

Data di pubblicazione

10 Feb, 2022
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

“Gli iperborei” (Bompiani 2021) è l’esordio narrativo di Pietro Castellitto. La voce narrante di Poldo Biancheri racconta una generazione vissuta attraverso le azioni di “Ciccio” Tapia, Guenda Pech, Stella Marraffa, Aldo. Ringraziamo la casa editrice per la copia digitale in omaggio.

Trama de Gli iperborei

Dal sito dell’editore:

Hanno corpi scolpiti e vestiti costosi, sono figli di primari e giornalisti celebri, di miliardari dai patrimoni solidi e antichi o recenti e sospetti, ma sono anche gli eredi dei ribelli che hanno caratterizzato stagioni gloriose e disperate della storia: coloro che, prosperando nella pace, hanno invocato la guerra, che amando i genitori ne hanno patito le ipocrisie, smascherato le contraddizioni e sognato l’annientamento.

La voce narrante racconta come se vedesse tutto già da una distanza, registrando ogni cosa con fermezza ma senza nascondere la nostalgia per un’infanzia ancora vicina, la rabbia verso padri che si sono presi tutto non lasciando che briciole, la tenerezza per i fratelli e i coetanei capaci di farsi del male per protesta o per amore.

Recensione

Ho portato a termine “Gli iperborei” non senza notevoli difficoltà. Purtroppo il mio giudizio, nel complesso, è negativo. Chiaramente sono solo le impressioni di una appassionata di lettura, niente di professionale, ma solo la voce di una lettrice consapevole. Negli anni ho letto un numero discreto di romanzi, abbastanza, credo, da farmi riconoscere un lavoro che rientra nei “miei” canoni di bello o, quanto meno, interessante. Purtroppo questo non ci rientra.

Ho trovato la storia abbastanza piatta, personaggi stereotipati e privi di profondità, in un racconto sulla noia della Roma bene che non aggiunge nulla a quanto fino ad oggi già scritto. Forse è una questione di età, forse sono troppo anziana per essere coinvolta da certe dinamiche. Probabilmente un pubblico più giovane può trovare interessante una vita spesa tra droga e sesso e lusso a spese di papà.

Ho apprezzato il tentativo di Pietro di ispirarsi a Bret Easton Ellis e il suo American Psycho (che probabilmente, come me, ha apprezzato molto), ma senza la profondità del racconto dello statunitense. Come ho trovato interessanti le riflessioni filosofiche ispirate a qualche pensiero importante che qualche grande ha fatto prima di noi.

Ma troppo poco, nel complesso di una storia che mi è sembrata banale.

Chiara Carnio

Amanti dei libri

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Amanti dei libri è una community, una famiglia gestita da appassionati di lettura e scrittura e destinata, appunto, agli amanti dei libri! A nome di questo profilo vengono infatti pubblicati la maggior parte dei contenuti realizzati dai membri della nostra community. Ti piace questa iniziativa? Entra a farne parte anche tu!

Altri libri che potrebbero piacerti…

1 commento

  1. Adelaide Landi

    Concordo pienamente con Chiara. Non sono nemmeno riuscita a finirlo, nessuna empatia con Poldo, anche se mi è rimasto il rammarico di non aver compreso un dolore che ho visto, ho sentito. La narrazione ha delle ombre di assurdità, forse legate alla distanza tra il mio mondo e quello di questi ragazzi, forse è una distanza semplicemente anagrafica (sono vecchia pure io!).
    Penso che come sceneggiatura di un film potrebbe funzionare, ma come romanzo, a mio modesto avviso, non va.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.