Amanti dei libri è una community, una famiglia gestita da appassionati di lettura e scrittura e destinata, appunto, agli amanti dei libri! Entra a farne parte anche tu!

“Iene, narcisi e filistei” – Andrea Mennini Righini

Arriva l’autunno, e il sole arretra per lasciare campo alle prime nubi, al tempo grigio e alla monotonia quotidiana. Ci sono racconti che riescono a descrivere con particolare arguzia l’incubo della normalità, la folle ambiguità del quotidianità. “Iene, narcisi e filistei” di Andrea Mennini Righini (Echos edizioni) è una raccolta di storie brevi consacrate all’opacità del ordinario e alla naturale ipocrisia degli uomini comuni. Storie apparentemente normali rivelano foschi segreti e ignobili crudeltà…


Trama di “Iene, narcisi e filistei”

Tanti protagonisti, tutti con uno scheletro nell’armadio, un difetto o un vizio da nascondere, una colpa da dissimulare. Andrea Mennini Righini mette insieme una ventina di scenette agrodolci, spesso grottesche, con dei finali che assomigliano a bastonate improvvise, che ti colgono tra testa e collo. Si ride quando si parla dello sconclusionato studente viziato che sperpera i soldi del padre borghese mentre progetta la rivoluzione; ci si inquieta mentre si legge la storia della vecchietta che si fa truffare da dei finti carabinieri, cui consegna i suoi pochi soldi e i gioielli regalatigli dal defunto marito; si torna in un Rinascimento violento e falsamente maschilista, dove i personaggi parlano come gli eroi dell’Ariosto e poi si comportano come in una telenovela venezuelana; e ci si commuove nel racconto in cui un amante pentito deruba la sua sfortunata ex fiamma della sua ultima speranza.

Alcuni protagonisti della raccolta sono il ritratto più spietato della meschinità: c’è l’automobilista bestemmiatore che si finge disabile per non beccarsi una multa da una vigilessa; c’è la suora che ammazza la consorella drogata, il grande professore garante della meritocrazia che si lascia corrompere agli esami per ottenere un incarico ministeriale, e ancora: il migrante che sogna un paradiso impossibile e approda in un nuovo inferno, il moralizzatore che sfrutta la prostituzione minorile, l’inquinatore seriale che ama la natura… La colpa è dovunque, l’inganno contamina ogni gesto, qualsiasi parola. Tutti, dai più furbi ai più stupidi, mentono.

E alla fine del ciclo di racconti, si capisce che le storie seguono tutte la medesima trama: quella del fallimento e della disonestà. Chi vince lo fa imbrogliando e a discapito della felicità e della dignità altrui. Chi perde, viene schiacciato da un meccanismo in cui non si è saputo integrare, non per scrupolo morale, ma per incapacità. E così Righini ci mette davanti agli occhi uno specchio, ci parla di se stesso e di noi tutti, senza però puntare il dito oppure suggerire formule di redenzione.

 

Recensione

copertina iene narcisi e filisteiI racconti di “Iene, narcisi e filistei” assomigliano a parabole contemporanee, senza messaggio religioso e senza morale esplicita, dove buoni e cattivi si confondono e non arrivano mai a una maturazione spirituale. La prosa è leggera ma anche tagliente. In alcuni casi il tenore si fa sperimentale, con esempi mimetici e tentativi satirici in cui l’autore deforma la voce dei giovani trapper o degli antichi cavalieri di ventura. Non tutti i racconti però sono memorabili. Qualche passaggio suona eccessivo, specie nell’uso del turpiloquio o nell’espediente del finale a sorpresa.

Funziona il gioco di specchi, tramite il quale Mennini Righini ci presenta un’immagine speculare, da ribaltare una o più volte, attraverso antitesi e riflessi molteplici. In pratica, abbiamo quasi sempre a che fare con un protagonista che si presenta come sincera (nella sua bontà o nella sua malvagità), per poi scoprire dove stanno le sue menzogne e quali sono gli espedienti attraverso cui crede di fregare se stesso o gli altri.

Andrea Mennini Righini sa essere impietoso e divertente, ma soprattutto sa parlare della realtà e dei difetti che caratterizzano, inesorabilmente, l’essere umano. Egli ammette che non c’è cura, descrive la vita come una recita piena di cattiverie e di bassezze e poi alza le spalle ridendone.

Ne riderà anche il lettore?

 

Gianni Civero

80%
Consigliato

Iene, narcisi e filistei

Consigliato agli amanti del racconto pirandelliano e della prosa tagliente di Bukowski.

  • Voto redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Se non sei d'accordo, potresti decidere di lasciare il sito. AccettaLeggi altro