“La corsa del tempo” – Anna Achmatova

^

Categorie

^

Voto redazione

Data di pubblicazione

26 Ago, 2019
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

“La corsa del tempo” è una raccolta di liriche e poemi in ordine cronologico di Anna Achmatova curata da Michele Colucci per Einaudi nel 1992, con testo russo a fronte.


copertina poesie achmatovaCos’è La corsa del tempo

Questa pubblicazione è una raccolta lunga e molto complessa e comprende “La corsa del tempo” e numerosi stralci da “Requiem” (1935-1940), “Nell’anno quaranta”, “Il vento di guerra” e altri.

Recensione

Leggendo la versione italiana, è facile capire come il punto di forza della Achmatova sia la testimonianza del suo tempo. La desolazione, la miseria e la barbarie sono combattute con l’arma della parola, con la dignità umana come ultimo appiglio. «Ma questo lei può descriverlo?», le chiede una donna in fila davanti alle carceri di Leningrado durante gli anni del terrore di Stalin. «Posso», lei risponde. “Allora una sorta di sorriso scivolò lungo quello che un tempo era stato il suo volto”.

Siamo tutti per poco ospiti della vita,

vivere è solo un’abitudine”

In “La corsa del tempo” assistiamo all’evoluzione della poetessa, dai turbamenti intimi ai piaceri di desiderio, attesa, incontro.

Non conoscendo il russo, purtroppo, mi mancava quella metà pagina che non potevo capire, perché mi piaceva quello che leggevo ma sentivo un handicap non poterne immaginare la musicalità, il ritmo o la rima.

Perdona, perdona quei troppi

scambiati per te.”

Poi arrivano le guerre. La poetessa ha attraversato entrambe. Arriva la paura, il senso del vano, la precarietà. I versi si allungano, come le ombre sulla steppa; la bruma e la tormenta siberiana annebbiano la speranza. I suoni più frequenti sono i boati della guerra e i lamenti delle persone. La sofferenza e lo sconforto avvicinano alla follia… Eppure la Achmatova è ancora lì che scrive, traduce in testimonianza questi anni bui e li trasforma in memoria collettiva.

Invecchiammo di cent’anni, e accadde

nel corso di un’ora sola”

[bs-white-space]

Cristina Mosca

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

moglie, mamma e lettrice bulimica. a 10 anni scrivevo i miei primi racconti. a 14 ho scelto di insegnare inglese. adesso faccio entrambe le cose. credo in quello che non si vede a occhio nudo. tra le mie pubblicazioni: "chissà se verrà alla mia festa" (schena 2005), "e donne infreddolite negli scialli" (schena 2008), "loro non mi vedono" (ianieri 2014), "con la pelle ascolto" (ianieri, 2018). mi piace scrivere in lettere minuscole.

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” è il secondo libro di Wilbur Smith appartenente al ciclo dei Romanzi egizi. Scritto nel 1995, è arrivato in Italia tramite Longanesi (collana Tea).

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.