“La sabbia brucia” – Fausto Vitaliano

^
^

Voto redazione

4 stelle

Data di pubblicazione

28 Feb, 2022
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

“La sabbia brucia. Le ultime indagini del commissario Misticò” è un noir di Fausto Vitaliano. Pubblicato da Bompiani a giugno del 2021, è ambientato in Calabria, nel paesino di San Telesforo Ionico. Ringraziamo la casa editrice per la copia cartacea in omaggio.

Trama de La sabbia brucia

Gori Misticò torna nel suo paese perché a Milano non può starci più. Il suo lavoro sotto copertura è saltato ed è meglio che lui stia lontano per un po’.

Nel risolvere casi di mogli “sparute” e furti di reliquie, il commissario si ritrova a fare i conti con una mentalità che nel Nord Italia aveva quasi dimenticato, compresi la chiusura di carattere, il misticisimo e le intricate reti di rapporti sotterranei.

Recensione

Ho trovato “La sabbia brucia” un libro che scorre bene e che sosta sui personaggi il tempo necessario. Ho in mente altri noir ripetitivi e forzati, con molti cliché e molte frasi fatte. Le descrizioni di Vitaliano, invece, anche quando sfiorano il macchiettistico hanno una resa tridimensionale che ho apprezzato.

“Volevo salvarti. E invece tu hai salvato me. Un’altra volta”.

La lettura scorre agile, soprattutto quando si tratta della vita di paese. La trama si divide in tre parti e in tre piani temporali: l’infanzia dei tre amici Gregorio, Michele e Nicola; il 2014, con il ritorno di Gregorio in paese; e il 2018, durante un intervento chirurgico molto importante.

Le indagini del commissario, pragmatico e sbrigativo, si incrociano con il mondo della religione, della superstizione e dell’esoterismo. Il tutto in una Calabria tanto spigolosa e riarsa quanto luminosa, marina.

“Anche quella terra era amorevole e vendicativa, che se la amavi ti amava, ma appena ti distraevi ti chiedeva severamente conto. (…) Taluni sostengono sia fatta a forma di virgola, ma in verità la Calabria è una parentesi chiusa in mancanza di una aperta. Arrivi qui per terminare un discorso, non per cominciarlo”

Un altro personaggio importante e non invasivo del libro è la lingua. È stato scelto di alternare l’Italiano al dialetto calabro non solo nei dialoghi ma anche nella voce narrante. Questo può sembrare un richiamo a Camilleri o De Giovanni; la percezione che abbiamo, comunque, è di affondare anche noi i piedi nella misteriosa terra calabra e di empatizzare con la semplicità dei paesani.

Cristina Mosca

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

moglie, mamma e lettrice bulimica. a 10 anni scrivevo i miei primi racconti. a 14 ho scelto di insegnare inglese. adesso faccio entrambe le cose. credo in quello che non si vede a occhio nudo. tra le mie pubblicazioni: "chissà se verrà alla mia festa" (schena 2005), "e donne infreddolite negli scialli" (schena 2008), "loro non mi vedono" (ianieri 2014), "con la pelle ascolto" (ianieri, 2018). mi piace scrivere in lettere minuscole.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.