“L’educazione sentimentale di Eugenio Licitra” – Francesco Recami

^

Categorie

^

Voto redazione

4 stelle

Data di pubblicazione

28 Gen, 2022
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

“L’educazione sentimentale di Eugenio Licitra”(Sellerio 2021) è l’ultimo lavoro di Francesco Recami noto al grande pubblico, compresa la sottoscritta, per le storie della Casa di ringhiera: da “La casa di ringhiera” del 2011 a “La verità su Amedeo Consonni” del 2019, una serie poliziesca di impianto umoristico.

Il titolo flaubertiano allude alle avventure tragicomiche di uno studente universitario a Firenze, coivolto suo malgrado in situazioni anomali e talvolta pericolose, tappe del suo ingresso nel mondo adulto.

Trama di L’educazione sentimentale di Eugenio Licitra

Generalmente la vita di uno studente fuori sede è piena di incognite riguardanti sia l’impatto con i nuovi labirinti del sapere, sia la convivenza con i neo coinquilini. Lo impara a sue spese Eugenio Licitra, ragusano implume, politicamente impegnato, 150 mila lire in tasca e in valigia insieme al pecorino di mammà l’entusiasmo e il timore: si appresta a frequentare l’università nella città di Dante. Appassionato di Gramsci si ritrova in una facoltà colonizzata dal marxismo, dalla filosofia della storia all’antropologia culturale; intanto la Storia del nostro Paese si alimenta dei sofismi delle “convergenze parallele” e della “non sfiducia”.

Il romanzo, infatti, è ambientato negli anni ’70 i cui marcatori cultural popolari sono l’incidente di Niki Lauda, il primo Festival di Sanremo trasmesso a colori in tv; la Seicento e l’Alfasud quando la benzina costava 350 lire al litro; le manifestazioni studentesche e i campanilismi della politica extraparlamentare.

Nella nuova ubicazione Eugenio, detto il Ragazzo, non fa solo i conti con inconvenienti di routine quali uso (e abuso) degli spazi comuni, incombenze domestiche che naturalmente non si conciliano mai con svago e studio, fidanzate invadenti e cibo volatilizzato in dispensa. Perché il Ragazzo si trova coinvolto in divertenti e spesso squinternate avventure con due coinquinini. Il primo è uno studente di filosofia, mago delle autotruccate, con un segreto accuratamente occultato in un luogo impensabile. Il secondo è uno studente di medicina, corpulento e mutanghero, la mente e all’occorrenza il gentiluomo del gruppo. Tre pulzelle scandiscono la sua apertura all’amore o di chiusura, dipende dal punto di vista. L’esuberante Rossella lo fagocita con una disinvoltura pseudofemminista. Eleonora e Cristina – rispettivamente femme fatale e angelicata – si fingono vittime per sfruttarlo. Una vera Caporetto.

Recensione

Consiglio questo romanzo leggero, ma non superficiale che presenta uno spaccato ironico degli anni ’70, quelli della rivoluzione sessuale e della contestazione giovanile.

Particolarmente efficace e mai dissacrante la presa in giro della filosofia che si avvita sul significante e dell’ideologia come unico metro per affrontare il quotidiano. Insomma, gli anni di piombo ci sono ma Francesco Recami non ne fa sentire il peso.

Isabella Fantin

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Laurea in Cattolica, docente alle Superiori, vivo a Milano nel tormento della movida e mi rifugio nella pace della Toscana.

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” è il secondo libro di Wilbur Smith appartenente al ciclo dei Romanzi egizi. Scritto nel 1995, è arrivato in Italia tramite Longanesi (collana Tea).

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.