Analisi di un mini-racconto di Fredric Brown

^

Categorie

Data di pubblicazione

1 Giu, 2019
fedric brown scrittore americano di racconti brevi
7

Scorri fino al contenuto...

Lo scrittore americano Fredric Brown (1906-1972) era un maestro del racconto breve oppure brevissimo. Le sue storie – a parte qualche eccezione – appartengono al genere fantastico. Più precisamente a quello fantascientifico. Come questo mini-racconto.

L’ultimo uomo sulla Terra sedeva da solo in una stanza. Qualcuno bussò alla porta.

Non ha titolo, e non è stato scritto da Stephen King, al quale è stato attribuito solo perché lo avrebbe citato nel corso di un’intervista.

fredric brown scrittore americano di racconti brevi

La sintesi si condensa in due sole frasi, redatte in uno stile volutamente freddo ed essenziale. C’è tutto quel che serve. Niente di più.

La prima ci introduce nel contesto. Siamo in presenza di una palese situazione apocalittica. Una distopia. Si allude a un prima. Durante il quale è sicuramente successo qualcosa di terribile.

Il protagonista è il superstite della razza umana, sterminata da un qualcosa che non viene specificato. Forse una guerra. Oppure un’epidemia. Magari qualche cataclisma di origine naturale. Il lettore può sbizzarrirsi nella formulazione di ipotesi più o meno plausibili. Alla fantasia, in fondo, non c’è limite.

Notiamo una curiosa ridondanza. Un elemento in apparenza superfluo. Se l’uomo di cui si parla è l’ultimo rimasto sulla Terra, non dovrebbe esserci alcun bisogno di specificare che si trova da solo nella stanza.

Sembra tutto tranquillo. Il sopravvissuto non sta facendo nulla. Si limita a sedere nella stanza. Nell’ultimo, forse, angolo di pace sul pianeta. Può darsi che aspetti qualcuno. C’è, comunque, un che di innaturale nella scena che ci troviamo davanti. Tanto più che dal protagonista non traspare alcuna emozione. Non sappiamo se sia sereno oppure angosciato. La calma dell’ambientazione ha un che di artificiale.

La conferma ci viene data dalla seconda frase, più secca ancora della prima. Un fatto assolutamente consueto – qualcuno che bussa alla porta – assume valenze inquietanti, perché inserite in un contesto anomalo.

Ma l’uomo che siede nella stanza non era l’ultimo rimasto sulla faccia della Terra? Se è così non dovrebbe bussare nessuno. Guardate come la scelta delle parole sia tutt’altro che casuale. Brown utilizza qualcuno, non qualcosa. Quindi presuppone l’esistenza di un altro essere umano.

Il secondo periodo costituisce un elemento di disturbo, l’anomalia nell’anomalia. E trasforma questa brevissima narrazione in una storia horror. A questo punto la mente di chi legge parte per la tangente. E comincia a porsi delle domande. Ma allora quell’uomo non è più solo? Chi sta bussando alla porta? Il protagonista aprirà? E se sì, cosa accadrà?

In una sola riga di testo l’autore è riuscito a creare una storia carica di tensione con imprevisto colpo di scena finale. Non sono in molti a poterlo fare. Anzi.

 

Potete anche leggere il racconto Sentinella di Fredric Brown o L’unico sbaglio.

[bs-white-space]

Enrico Cantino

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Enrico Cantino dovrebbe aver superato la cinquantina, ma non ne è sicuro nemmeno lui. Ha una laurea in materie letterarie, un blog su Tumblr e svariate passioni: i gatti, la scrittura, la lettura, i cartoni animati (giapponesi, in particolare), i "filmacci" come li chiama lui (horror, azione, demenziale, fantascienza, ecc. ma non disdegna qualche pellicola "seria"). Ha pubblicato con Mimesis, casa editrice di Sesto San Giovanni, sei libretti sulle serie animate nipponiche suddivise per generi: robottoni, eroine, guerrieri, sport di squadra, maghette, rapporti di coppia. Può darsi riesca anche a pubblicare qualcos'altro. Adesso vede.

Altri contenuti che potrebbero piacerti…

La questione della lingua

La questione della lingua

Dal Cinquecento è aperto un dibattito sui modelli da seguire nella lingua scrtta. Ecco perché Pietro Bembo ha avuto successo.

Si fa presto a dire “giallo”

Si fa presto a dire “giallo”

L’articolo propone una carrellata di letteratura “gialla” che va da Edgar Allan Poe a Marco Malvaldi, senza la pretesa di esaurire l’argomento.

Sei novelle di Giovanni Verga

Sei novelle di Giovanni Verga

Abbiamo ascoltato in audiolettura su youtube alcune delle novelle meno note di Giovanni Verga e ve le consigliamo.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *