“Il Foraggio di vivere” – Gino Patroni

^

Categorie

^

Voto redazione

Data di pubblicazione

16 Mag, 2019
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Ci vuole

più foraggio

a vivere

che a morire.

Fatemi il fieno,

per favore.

copertina il foraggio di vivere

Il foraggio di vivere comincia così, senza dare il tempo al lettore di prendere fiato. Del resto, l’autore, lo spezzino Gino Patroni, sosteneva che fosse decisamente preferibile perdere un’amicizia piuttosto che una buona battuta.


Il foraggio di vivere

Leggendo questa raccolta di epigrammi pungenti e implacabili, vien fatto di dargli ragione. Al cento per cento. Ogni battuta persa è una risata sprecata. E quelle di Gino Patroni fanno ridere per davvero. Non come certa roba che si sente in televisione e non solo.

Si va dal leopardiano – e, concedetemelo, geniale − Suicidio di insetto

Stanco di vivere

si butta dalla ginestra

al rammarico insito nel Lamento di coniglio

Ho avuto

un solo figlio.

passando per il lacrimevole Lamento di messicano

Non

ne Azteco

una.

Il meccanismo della comicità

Il meccanismo degli epigrammi di Patroni è molto semplice. Come Achille Campanile e Marcello Marchesi, l’autore gioca con il linguaggio secondo modalità enigmistiche: scambio di vocali e consonanti, inversioni semantiche… e molto altro.

In altre parole, il bisticcio è costruito sulla destrutturazione del linguaggio. Le parole sono svuotate del loro significato originario e mischiate all’interno di un bussolotto da cui vengono estratte nella loro nuova veste.

E bisogna dargliene atto.

Per farlo, ci vuole davvero tanto foraggio.

 

Gino Patroni, Il foraggio di vivere, Milano, Longanesi, 1987

Enrico Cantino

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Enrico Cantino dovrebbe aver superato la cinquantina, ma non ne è sicuro nemmeno lui. Ha una laurea in materie letterarie, un blog su Tumblr e svariate passioni: i gatti, la scrittura, la lettura, i cartoni animati (giapponesi, in particolare), i "filmacci" come li chiama lui (horror, azione, demenziale, fantascienza, ecc. ma non disdegna qualche pellicola "seria"). Ha pubblicato con Mimesis, casa editrice di Sesto San Giovanni, sei libretti sulle serie animate nipponiche suddivise per generi: robottoni, eroine, guerrieri, sport di squadra, maghette, rapporti di coppia. Può darsi riesca anche a pubblicare qualcos'altro. Adesso vede.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.