“Un luogo chiamato libertà” – Ken Follett

^

Categorie

^

Voto redazione

4 stelle

Data di pubblicazione

22 Mar, 2021
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

“Un luogo chiamato libertà” (Oscar Mondadori 1997) di Ken Follett è ambientato verso la fine del XVIII secolo. Il giovane minatore McAsh decide di ribellarsi ai Jamisson, i ricchi proprietari terrieri per cui lavora come schiavo. Inizierà una fuga disperata alla ricerca della libertà, tra amori, temerarietà e voglia di rivalsa.


Trama de Un luogo chiamato libertà

Scozia, 1767. Il minatore McAsh fugge dalla schiavitù di Sir George e dalla bella Lizzie, l’aristocratica innamorata di Jay Jamisson e per la quale il giovane ribelle nutre fin da subito una profonda attrazione fisica. McAsh raggiunge la città di Londra, dove lavora come scaricatore di porto ed indice uno sciopero che paralizza tutta la città. Lizzie lo salva dalla pena di morte, e McAsh viene costretto all’esilio nelle colonie americane, in Virginia, dove i Jamisson hanno delle terre e dove viene fatto lavorare proprio in una piantagione ereditata da Jay. McAsh incrocia così nuovamente il destino di Lizzie, ora sposa di Jay; il rapporto tra lei e il figlio di Sir George si incrina, e Lizzie perde addirittura il bambino che ha in grembo. Fugge così insieme a McAsh nelle terre desolate americane, mettendo a rischio la propria vita per amore e per la bramosia di libertà.

Recensione

“Un luogo chiamato libertà” è un romanzo storico dalla scrittura piuttosto semplice e scorrevole. I punti di forza sono sicuramente la storia (davvero avvincente) e i personaggi. Follett riesce ad intrecciare con grande maestria le vite dei Jamisson, di Lizzie e di McAsh, le cui caratterizzazioni sono molto buone e mai banali.

Il libro ha un discreto ritmo narrativo, anche se alcune volte l’autore tende a sintetizzare gli eventi che accadono, e il lettore non riesce ad immedesimarsi appieno nelle scene descritte. Sicuramente Follett ha la grande abilità di riuscire a costruire una trama ed un intreccio molto complessi ed originali, ma sembra però che si concentri fin troppo su ciò.

Le emozioni dei personaggi e le loro storie sono a volte raccontate con troppa frenesia, e questo sicuramente penalizza la narrazione, togliendo in certi punti la suspense che potrebbe invece crearsi. Il finale al contrario è molto vivo anche dal punto di vista thriller, e sicuramente la parte del libro che tiene più il lettore con il fiato sospeso.

La critica mossa a Follett è una critica che comunque riguarda molti libri di autori famosi, non solo i suoi: “show, don’t tell” dovrebbe essere una regola ben chiara a chi fa della scrittura di romanzi un mestiere.

Davide Bernardin

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Davide Bernardin è nato a Feltre (BL) e vive a Bologna; ha trascorso gran parte della sua vita a Tonadico, nella valle di Primiero (TN). Laureato alla magistrale in Letterature euroamericane all’università di Trento, lavora come insegnante. Amante del rock’n’roll classico e orecchiabile, e della lettura intima e avvincente, dedica parte del suo tempo libero a scrivere canzoni, poesie e romanzi. Nel giugno 2020 pubblica il poema "Viaggio nel tempo - Tirannia, amore e ribellione", e nel maggio 2022 pubblica "Quella casa in fondo alla pianura", un romanzo storico ispirato in parte alla storia vera della famiglia di Cain Wall, schiavi statunitensi ignari per moltissimi anni dell'abolizione della schiavitù. Riguardo alla lettura, i generi che predilige sono i romanzi storici e quelli thriller/suspense.

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” – Wilbur Smith

“Il settimo papiro” è il secondo libro di Wilbur Smith appartenente al ciclo dei Romanzi egizi. Scritto nel 1995, è arrivato in Italia tramite Longanesi (collana Tea).

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.