“Una relazione pericolosa” – Leonardo Bonetti

^

Voto redazione

4 stelle

Data di pubblicazione

18 Giu, 2021
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

“Una relazione pericolosa” è un romanzo del 2016 di Leonardo Bonetti, pubblicato da Italic nella collana Pequod. Dello stesso autore abbiamo recensito anche “L’isola che non c’era“.

Trama di Una relazione pericolosa

Gregor intrattiene una relazione con un’elegante donna sposata, Josephine ma “una relazione pericolosa” per davvero si nasconde altrove.

Christine, sedici anni, lo sottopone a un gioco fatto di provocazioni, che seppur maliziose, a tratti appaiono ingenue, costringendolo ripetutamente a far appello a tutta la sua consapevolezza di uomo maturo per non lasciarsi ammaliare e cadere nella trappola di un fascino acerbo. 

Recensione

Rabbia. È questo il sentimento predominante suscitatomi da questo scritto. 
Fragilità e forza si rincorrono in un balletto senza tempo né spazio, senza che nessuna delle due condizioni riesca mai davvero a prevalere sull’altra.

Sentimenti che urlano con forza la loro repressione e al contempo inettitudine, incapacità di cavalcare l’onda del desiderio profondo che invade nell’intimo ogni essere umano. 

Una danza vivace, violenta, intrisa di sudore e allo stesso tempo triste, cupa, rassegnata come mani che anziché tendersi per regalare al mondo un abbraccio ricadono meste lungo i fianchi.

Un tango sensuale e infuocato che ballerini appassionati ballano con ardore, lasciandosi trasportare da un sofferto desiderio carnale, che seppur represso esplode  portando i loro corpi a un’ inquietudine che il tarlo di un atto mai appagato ha insinuato con forza nel loro essere.

Una sorta di gioco al massacro cui nessuno dei contendenti può sottrarsi né tantomeno pare volerlo.

Castelli di bugie costruiti intorno al proprio ego destinati a crollare al primo soffio di verità. Questo è il pensiero a cui mi rimandano i personaggi, Gregor in particolare, ingabbiato com’è nella sua parte da recitare e tesi da sostenere.

L’animo umano è un caleidoscopio di emozioni e noi degli illusi se pensiamo di definirne i contorni!

La scrittura è piacevole e accattivante. Lo scrittore insinua, emoziona, dipinge con eleganza scegliendo con cura le parole, armonizzandole con sapiente maestria.

Davvero complimenti!

Arcangela Guida

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Di madrelingua francese, sono nata a Lione e vivo a Roma, città nella quale ho studiato e alla quale ormai non saprei rinunciare. Mamma di Emanuele, mi divido tra lavoro in farmacia - dispenso farmaci, buoni consigli qualche volta, sorrisi sempre - lezioni di francese e corse varie. La mia vita, a tratti sembra la pubblicità della fiesta: ”Tutto il giorno di corsa, a pranzo un panino al volo, adesso non ci vedo più dalla fame!”. Credo nelle coincidenze e nel potere delle parole. Le parole hanno un peso, fanno e disfano la realtà, quasi mai sono casuali. Leggo molto... quasi sempre di notte, quasi mai di giorno. Ma no, non temete di incontrarmi, non sono un vampiro!

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Tre” – Valérie Perrin

“Tre” – Valérie Perrin

“Tre” di Valérie Perrin (E/o 2021) racchiude nel titolo una sofisticata complessità di rimandi che vi lasciamo scoprire nel romanzo.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *