“Biancaneve nel Novecento” – Marilù Oliva

^

Voto redazione

5 stelle

Data di pubblicazione

21 Apr, 2021
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

“Biancaneve nel Novecento” è un romanzo di Marilù Oliva pubblicato da Solferino all’inizio del 2021. È tra i romanzi presentati al Premio Strega dagli “Amici della domenica”. Della stessa autrice abbiamo recensito “L’Odissea raccontata da Penelope, Circe, Calipso e le altre”.

Trama di Biancaneve nel Novecento

In “Biancaneve nel Novecento” abbiamo due narratrici in prima persona, che ci parlano dalla soglia del nuovo Millennio: Bianca e Lili. La prima è nata alla fine del Novecento, la seconda lo ha attraversato.

Bianca racconta il rapporto difficile con sua madre, la simbiosi con suo padre, la solitudine che caratterizza la sua infanzia e la sua adolescenza. Lili racconta degli orrori della guerra e dei campi di concentramento in particolare, rivelandoci una realtà poco nota: l’allestimento di un Lagerburdell, un bordello all’interno del Lager. Un inferno che si aggiunge all’inferno.

Recensione

Lo stile di Marilù Oliva è incisivo e alla portata di tutti. Risponde all’impazienza del lettore con la guida sapiente di una goccia che piano piano riempie il suo contenitore. Ho trovato il giusto equilibrio fra il classico “show, don’t tell” e le parti introspettive in cui le protagoniste traggono delle conclusioni dal loro vissuto.

Nei ricordi di Bianca e Lili il “secolo breve” assume l’aspetto di una fiaba divisa fra buoni e cattivi, in cui i buoni come Padre Pino Puglisi e John Fitzgerald Kennedy vengono uccisi e mostri come Pietro Pacciani vengono messi in libertà. In questa fiaba il bosco non è salvifico come lo fu per la Biancaneve di Grimm ma è un luogo oscuro, intricato, in cui le scorciatoie sono solo delle illusioni che portano alla rovina.

“Lei sentenziò: «Tu sei un’artista». E aggiunse: «Perché non scrivi di due ragazze che avevano i genitori fuori di testa? Verrebbe fuori un romanzo da urlo, sai? Piacciono tanto le storie di bambini tristi con i genitori stronzi»”

Tra le figure più imponenti del romanzo c’è senza dubbio la madre di Bianca, Candida, che ho immaginato per tutto il tempo come la Jessica Lange di American Horror Story. È una donna che pesa molto nella vita della figlia nonostante la sua assenza fisica e affettiva: è una madre brusca, dipendente dall’alcol, che fa scelte che la costringono continuamente ad arrangiarsi.

Nella vita di queste personagge c’è bisogno di risoluzione e ognuna di loro fa fronte come può alla propria esistenza ai margini.

Il Male chiama altro Male? Marilù Oliva sembrerebbe dire di sì. Sembrerebbe anche ricordarci, però, che tutti possono spezzare un circolo vizioso a cui si sentono condannati.

Ho letto “Biancaneve nel Novecento” perché è stato scelto dal Club del libro della Libreria Primo Moroni per il Marzo dei libri.

Cristina Mosca

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

moglie, mamma e lettrice bulimica. a 10 anni scrivevo i miei primi racconti. a 14 ho scelto di insegnare inglese. adesso faccio entrambe le cose. credo in quello che non si vede a occhio nudo. tra le mie pubblicazioni: "chissà se verrà alla mia festa" (schena 2005), "e donne infreddolite negli scialli" (schena 2008), "loro non mi vedono" (ianieri 2014), "con la pelle ascolto" (ianieri, 2018). mi piace scrivere in lettere minuscole.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.