“Il buio dentro” – Antonio Lanzetta

^
^

Voto redazione

Data di pubblicazione

14 Ott, 2019
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Il romanzo Il buio dentro è il primo di una trilogia che comprende “I figli del male” pubblicato nel 2018 e “Le colpe della notte” pubblicato nel 2019. Il romanzo è stato pubblicato anche in Francia, Canada e Belgio.


Trama

copertina il buio dentro

Cilento, giorni nostri: il corpo di una ragazza viene ritrovato orrendamente mutilato, legato a un albero, mentre la testa è a terra, poco distante. Il commissario De Vivo si vede costretto a chiedere l’aiuto del giornalista Damiano Valente, che è solito analizzare minuziosamente i casi di cronaca locale. Il suo aspetto è inquietante a causa del volto deturpato e l’andatura claudicante, eredità di un brutto incidente che ha subito nel 1985, che ancora lo costringe a portare sempre con sé delle pasticche di morfina.

In quegli stessi giorni fu ritrovato il cadavere della sua amica Claudia, primo amore che non ha avuto nemmeno il tempo di sbocciare. Le modalità in cui l’assassino ha disposto il cadavere gli fanno subito venire in mente Claudia, quelle immagini lo catapultano immediatamente a trent’anni prima.

Nel corso delle indagini, Damiano ha modo di ritrovare i suoi vecchi amici, Stefano e Flavio. Quest’ultimo lo ha conosciuto proprio quell’estate, quando il ragazzo, dopo la prematura scomparsa della madre, fu affidato al nonno e lasciò Torino per trasferirsi a Castellaccio.

 

Recensione Il buio dentro

La lettura di questo thriller è molto scorrevole e piacevole, attraverso i ricordi di Damiano, che cerca un modo per redimersi da colpe non sue, ripercorriamo l’estate del 1985, con dei flashback che si incastrano perfettamente nella risoluzione del caso della ragazza scomparsa con cui si apre il romanzo.

La sua coscienza non gli dà scampo, mentre lui cerca di non concederne al sadico killer che sta già cercando la prossima vittima di un gioco che non ha alcun senso.

Personalmente Damiano mi ha ricordato molto il Dottor House, un burbero buono, che aiuta gli altri per dare un senso al suo dolore.

Trovo sempre molta autenticità nei personaggi che mostrano la propria sofferenza senza esibirsi come vittime e nutro un rispetto sincero, come fossero i miei più cari amici, verso chi non si incattivisce verso un mondo che nei suoi confronti è stato tutt’altro che magnanimo.

Nel romanzo si parla anche di criminalità: è un aspetto che chiunque abbia intenzione di raccontare il sud non può permettersi di tralasciare, senza correre il rischio di narrare una vicenda ai limiti dell’irrealtà.

Puoi leggere anche la recensione I figli del male, il secondo capitolo.

“Il buio dentro” Antonio Lanzetta, Lacorte, 2016

Adelaide Landi

Adelaide Landi

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Mi piace leggere sin da quando ero bambina, nei ricordi più belli della mia infanzia ci sono libri con copertine colorate: Heidi è stato ovviamente il primo, poi Piccole donne e tutti i seguiti (di cui ricordo poco, i seguiti di un capolavoro deludono sempre), Il giardino segreto. La penna mi ha sempre chiamato almeno quanto i libri, ma non me ne sono accorta finché per caso o semplicemente perché era giunto il momento che io lo capissi, mi è stato chiaro che adoro scrivere almeno quanto adoro leggere. Mi piacciono i romanzi storici, penso che capire quello che è stato aiuti a comprendere quello che è. Scelgo un libro da leggere se penso che la sinossi stia cercando di dirmi qualcosa, in ogni libro c'è un messaggio che spera di raggiungere al più presto i suoi destinatari.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.