“L’isola delle madri” – Maria Rosa Cutrufelli

^

Categorie

^

Voto redazione

3 stelle

Data di pubblicazione

15 Dic, 2020
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Di marzo 2020 è “L’isola delle madri”, il nuovo romanzo della giornalista Maria Rosa Cutrufelli (Mondadori) che si presenta come distopico ed estremamente attuale nel mostrare la stretta interconnessione che c’è fra le tematiche ambientali e quelle sociali.

Trama de L’isola delle madri

Attraverso “L’isola delle madri” ci viene presentato un futuro non troppo lontano in cui l’inquinamento ha aumentato a livelli vertiginosi il tasso di infertilità degli esseri umani, e in cui il desiderio di fare figli rimane tuttavia immutato, viscerale. In un’isola italiana viene costruita una clinica che promuove un sistema complesso di fecondazione assistita: talmente complesso che per far nascere un bambino servono praticamente tre madri. Un sistema che la società non accetta completamente.

Recensione

Ho letto “L’isola delle madri” perché è stato preso in considerazione per la lettura di settembre dal Club del libro di Pescara, nato in seno alla libreria Primo Moroni.

Sembra che la scelta di una struttura a cornice in cui un io narrante racconta fatti di cui non è stato protagonista generi il disorientamento in qualche lettore. Ho passato la prima parte del romanzo a chiedermi “Sì, ma come fa la protagonista a conoscere nei dettagli queste cose che sono accadute prima che lei nascesse?”. Il più delle volte mi sono detta che magari sarebbe arrivato un colpo di scena a chiarirmi ogni cosa. Questo interrogarmi mi ha distratta per un po’.

Poi, però, il romanzo ingrana. Si riesce a mettere da parte la questione dell’io narrante e ci si riesce a calare nelle storie dei personaggi e nelle loro psicologie. Si apprezza la lucidità e la verosimiglianza di molte introspezioni e se ne resta spiazzati. Ho trovato molte dinamiche sociali, economiche, etiche e religiose perlustrate con intelligenza e legittime diverse osservazioni.

“La delusione è un sentimento di cui è difficile sbarazzarsi, ecco il problema. Non è come la rabbia, che quando esplode ti toglie un peso. La delusione non se ne va. Si accumunla dentro, strato dopo strato, e ti soffoca sotto una coltre di polvere.”

“L’isola delle madri” è un romanzo che alla fine lascia con delle questioni di cui oggi possiamo rendere conto poco e che, realizziamo, non potremo evitare per sempre. Mi ha fatto pensare alle premesse di un altro distopico, “Vox” di Christina Dalcher, perché entrambi riflettono sul ruolo della donna nella società.

Lo terrò nella mia libreria perché una parte di me spera di poterlo dichiarare un libro non profetico quando potrò fare il confronto con la realtà, fra venti o trent’anni.

Cristina Mosca

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

moglie, mamma e lettrice bulimica. a 10 anni scrivevo i miei primi racconti. a 14 ho scelto di insegnare inglese. adesso faccio entrambe le cose. credo in quello che non si vede a occhio nudo. tra le mie pubblicazioni: "chissà se verrà alla mia festa" (schena 2005), "e donne infreddolite negli scialli" (schena 2008), "loro non mi vedono" (ianieri 2014), "con la pelle ascolto" (ianieri, 2018). mi piace scrivere in lettere minuscole.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.