“Bella mia” – Donatella Di Pietrantonio

^

Categorie

^

Voto redazione

5 stelle

Data di pubblicazione

5 Apr, 2020
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Avendo letto ed apprezzato il libro “L’arminuta“, (premio Campiello” 2017) della stessa autrice, mi sono catapultata fiduciosa su questa storia. “Bella mia” è stata pubblicata da Elliot nel 2014 e ripresa da Einaudi nel 2018. Di Donatella Di Pietrantonio abbiamo recensito anche “Borgo Sud“.


Trama di Bella mia

bella-mia-copertina-elliotL’ambientazione è L’Aquila, in un tempo che ruota, sia prima che dopo, intorno al tragico 2009, data che nessuno può dimenticare per il disastro provocato dal terremoto. La narrazione non ha ordine cronologico; il “prima” affiora ogni tanto per spiegare da dove nascono le vicende, precisamente da dove la vita di Caterina, la giovane protagonista, ha inizio. In quella tragica notte del 6 aprile, il suo mondo viene sconquassato, lei perde il punto di riferimento seguito da sempre, la sorella gemella. Nasce la disperazione di questa donna, di sua madre e quella del nipote che viene a vivere con loro due. Continuare e andare avanti è doveroso, ma a quale prezzo? Insieme allo sgretolarsi della città, si sono disgregate anche le persone rimaste.

Inoltre Caterina si trova al centro di una battaglia infinita con il nipote Marco, figlio della sorella che, sommando il suo dolore alle sensazioni di adolescente, ce la mette tutta per scardinare le poche certezze rimaste. Ed è in questa lotta che si cercano spiragli, nuove speranze e possibilità.

Recensione

Si avverte la piena, commossa partecipazione dell’autrice ai luoghi, alla desolazione, al sogno di ricominciare, anche senza leggere la postfazione dove spiega i motivi del suo attaccamento a questa città. Non deve spaventare il tema tragico; vale la pena leggere questo libro anche per capire in modo chiaro, come si vive ora nel luogo di ambientazione, ora che i riflettori sulla città sembrano spenti, ma la vita faticosamente non si arrende.

Loretta Casagrande

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

Questo periodo della vita mi sta regalando una delle ricchezze più importanti: il tempo. Tempo da utilizzare anche tra parole da leggere e da scrivere. Tra i libri che mi instillano dubbi provvidenziali, si frantumano certezze inutili.

Altri libri che potrebbero piacerti…

“Tre” – Valérie Perrin

“Tre” – Valérie Perrin

“Tre” di Valérie Perrin (E/o 2021) racchiude nel titolo una sofisticata complessità di rimandi che vi lasciamo scoprire nel romanzo.

1 commento

  1. Cristina Mosca

    ho letto questo libro in un mese di aprile e mi sono ritrovata a leggere della scena del terremoto proprio a ridosso dell’anniversario, che cade oggi, 6 aprile. qui in abruzzo siamo tutti molto sensibili a questo testo e a questa autrice. grazie per averlo recensito!

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *