“L’amore prima di noi” – Paola Mastrocola

^

Voto redazione

5 stelle

Data di pubblicazione

8 Nov, 2020
l-amore-prima-di-noi-copertina-botticelli
7

Scorri fino al contenuto...

Connessione con l'aldilà

Un libro di Aversano M. Lolita

“L’amore prima di noi” (Mondadori, 2017) è un libro da mettere in libreria, poi da riprendere, poi da rimettere, poi da riprendere.

Trama di L’amore prima di noi

La scrittura di Paola Mastrocola è delicata nel raccontarci alcuni miti, noti e non, secondo la chiave di lettura che ha scelto: l’amore. L’amore che è rapimento, fuga, sguardo, eccesso. L’amore secondo Dedalo, spettatore quasi impotente eppure insieme corresponsabile di una serie di amori che gli accadono sotto gli occhi, il suo per il figlio Icaro, il suo per la madre del Minotauro, quello della madre, folle, per un toro, quello di Teseo per Arianna. Oppure l’amore secondo l’altèra Diana, secondo il viziato Apollo, l’amore che rapisce Proserpina, quello che rapisce Elena.

Recensione

Ogni volta che si legge un mito così come lo ha riscritto Paola Mastrocola ci si sente un pochino più ricchi. Si può rileggere anche la stessa storia, più volte, senza provare noia.

“L’amore prima di noi” è una coccola lunga e un balsamo per ogni volta se ne abbia bisogno. Si ripone in libreria e si riprende ogni tanto per leggere un mito, sempre narrato da immagini bellissime e moderne, insieme eterne.

“Gli uomini. Pensano così poco al fatto di essere mortali, il meno che possono. Così riescono a vivere una vita breve come se fosse eterna”.

Affascina anche la profonda conoscenza dell’autrice verso queste storie, che spesso sono intricate da raccontare. Sorprende l’idea che i nostri antenati abbiano potuto avere una fantasia così fervida e costruire architetture così complesse e invisibili dietro a ciò che vedevano: un albero, un animale, un fiore. Una fantasia e un senso di sacralità che forse dovremmo riprendere.

Cristina Mosca

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

moglie, mamma e lettrice bulimica. a 10 anni scrivevo i miei primi racconti. a 14 ho scelto di insegnare inglese. adesso faccio entrambe le cose. credo in quello che non si vede a occhio nudo. tra le mie pubblicazioni: "chissà se verrà alla mia festa" (schena 2005), "e donne infreddolite negli scialli" (schena 2008), "loro non mi vedono" (ianieri 2014), "con la pelle ascolto" (ianieri, 2018). mi piace scrivere in lettere minuscole.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 1 =