“Leone” – Paola Mastrocola

^

Categorie

^

Voto redazione

Data di pubblicazione

20 Apr, 2019
loro-copertina
7

Scorri fino al contenuto...

Paola Mastrocola torna con le sue storie adorabili e lo fa con Einaudi. “Leone” è del 2018 e parla di un bambino che prega.

Avrebbe voluto parlarle per bene, loro due tranquilli, magari seduti in salotto. (…) un salotto che galleggia, che sembra posato in mezzo al mare. E loro due seduti lì tranquilli, e azzurri, come la luce quando scende di sera sul mare e diventa tutto azzurro, anche le strade, anche le case. E lui che glielo piega, a sua madre, cos’è pregare.

La trama di Leone

Più esattamente, Leone è un bambino della scuola primaria che come tutti i bambini ha una fissa. La sua è semplicemente un po’ più ingombrante: quando gli preme qualcosa o ha un desiderio da esprimere, lui si inginocchia e prega. La scena, di norma, imbarazza chi gli è intorno e in particolare modo la madre. Come proteggere un bambino così speciale? E da dove gli viene quell’abitudine?

 

Il punto

Copertina libro di Paola Mastrocola "Leone"Con il suo garbo consueto, Paola Mastrocola ci immerge nelle scene a tinte pastello della vita famigliare di Leone e della sua mamma. Con una semplicità disarmante ci permette di vedere le cose dal punto di vista del bambino e ci illumina su quanto complicati possiamo essere noi adulti. Grazie allo spostamento dei punti di vista veniamo coinvolti e inteneriti dal racconto, che mano a mano acquista sempre di più la dimensione di fiaba.

Anche in “Leone” troviamo il consueto personaggio “marziano” della Mastrocola: diversi, asincroni rispetto alla loro contemporaneità, ma con una diversità che è sempre una ricchezza e costa sì l’esclusione, ma permette di guadagnare in libertà di pensiero. «Noi abbiamo tutti degli occhiali con un filtro che ci fa sopportare la vita. Ad alcuni, questo filtro lo tolgono – commenta Paola Mastrocola in una lunga intervista rilasciata a Marcello Nicodemo per L’Officina Letteraria – A volte i miei personaggi si accorgono addirittura di essere “gettati” in una vita non loro, ma fanno in tempo a cambiarla, perché a me piacerebbe che ognuno di noi sapesse di essere nella vita giusta».

[bs-white-space]

Cristina Mosca

Recensore

Vorresti scrivere una recensione?

amantideilibri.it è una grande community di appassionati lettori. Vuoi farne parte anche tu?

moglie, mamma e lettrice bulimica. a 10 anni scrivevo i miei primi racconti. a 14 ho scelto di insegnare inglese. adesso faccio entrambe le cose. credo in quello che non si vede a occhio nudo. tra le mie pubblicazioni: "chissà se verrà alla mia festa" (schena 2005), "e donne infreddolite negli scialli" (schena 2008), "loro non mi vedono" (ianieri 2014), "con la pelle ascolto" (ianieri, 2018). mi piace scrivere in lettere minuscole.

Altri libri che potrebbero piacerti…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.