Amanti dei libri è una community, una famiglia gestita da appassionati di lettura e scrittura e destinata, appunto, agli amanti dei libri! Entra a farne parte anche tu!
Navigazione &s

Psicologico

Raccolta di articoli sul romanzo psicologico. In particolare recensioni di romanzi psicologici.

Cos’è il romanzo psicologico?

Il romanzo di genere psicologico nasce tra l’Ottocento e il Novecento. Un periodo caratterizzato dal susseguirsi di guerre che fecero chiudere l’uomo nella propria interiorità e che fece avvertire una forte esigenza di realismo.

La risposta letteraria a queste esigenze fu appunto il romanzo psicologico. Con gli anni il genere ha subito un forte processo di evoluzione. Ma una caratteristica che permane è che in genere questo tipo di romanzo non ha una forte trama, perché si concentra in particolar modo sui processi mentali dei personaggi.

I protagonisti, più che i personaggi in sé e le loro azioni, sono proprio le loro menti, i loro meccanismi psichici.

I migliori romanzi psicologici

Naturalmente qui subentra il gusto personali, ma tra i romanzi psicologici degni di nota non possono mancare:

  • La coscienza di Zeno di Italo Svevo (1923)
  • Uno, nessuno, centomila di Luigi Pirandello (1926)

Due scrittori che furono pure influenzati dalle nuove scoperte della psicoanalisi di Freud. Altri autori da citare sono James Joyce, Gustave Flaubert, Oscar Wilde, Gabriele D’Annunzio e Dostoevskij.

Le caratteristiche del romanzo psicologico

Oltre ad una trama un po’ più lenta e meno presente. A livello tecnico si può attenzionare la particolare abbondanza del discorso diretto e indiretto libero. Un vero e proprio flusso di coscienza. Persino il monologo.

Seguono le recensioni e le analisi di alcuni romanzi psicologici.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Se non sei d'accordo, potresti decidere di lasciare il sito. Accetta Leggi altro